Sport, 15 luglio 2018

Doppi passaporti: Xhaka ha solo quello svizzero

La notizia è stata confermata dall’avvocato del giocatore, smentendo così alcune informazioni diramate dall’ASF

BERNA – L’Associazione svizzera di football ha diramato informazioni sbagliate e non verificate in merito alle nazionalità di alcuni giocatori che hanno preso parte alla Coppa del Mondo in Russia. Lo hanno rivelato oggi “Le Matin Dimanche” e la “SonntagsZeitung”.

I due domenicali, infatti, prendono ad esempio Granit Xhaka, finito nell’occhio del ciclone, insieme a Xherdan Shaqiri e Stephan Lichtsteiner, per le ormai famosissimi Aquile mostrate durante l’esultanza in seguito ai gol realizzati contro la Serbia. Un portavoce dell’ASF aveva indicato che il centrocampista, nato in Svizzera, avesse sia il passaporto svizzero che quello albanese.

Niente di tutto questo però è vero. Xhaka detiene solo quello elvetico. L’informazione è stata confermata ai giornali dall’avvocato del calciatore. Inoltre l’Ambasciata albanese a Berna non ha trovato nessuna menzione relativa al centrocampista.

Xhaka, ricordiamo, nel 2014 è stato nominato ambasciatore onorario del Kosovo, ma tutto ciò non gli conferisce la cittadinanza. Il giocatore stesso, è giusto sottolinearlo, aveva dichiarato di essere binazionale, ma questa volta non ha voluto esprimersi sulla vicenda.

Guarda anche 

Lugano da pazzi: 15’ di follia che costano punti e serenità

LUCERNA – È proprio vero. Il calcio è strano, il calcio è vario, il calcio è bello perché in pochi istanti può cambiare tu...
13.07.2020
Sport

La polizia svizzera chiede sempre più informazioni a Google

L'anno scorso l'Ufficio federale di polizia (fedpol) e i Cantoni hanno chiesto a Google un numero record di informazioni sugli utenti dell'azienda californian...
12.07.2020
Svizzera

Pazzesco Bale: non gioca e si mette a dormire in panchina!

MADRID (Spagna) – Che sia di fatto un separato in casa lo si era capito da mesi, che il suo futuro non sarà più con la maglia del Real addosso anche, ...
12.07.2020
Sport

Paulo Henrique Andrioli: “A Lugano ho lasciato il cuore. Grecia? Passione e ossessione”

È un freddo mattino del 2 febbraio 1992. Stadio di Cornaredo, Lugano ha ripreso da alcuni giorni preparazione la seconda fase del massimo campionato &E...
12.07.2020
Sport