Svizzera, 08 luglio 2018

La Germania ha spiato imprese e cittadini svizzeri per anni

La scena faceva pensare a un affare di stato. Tre settimane fa, il governo austriaco si è presentato davanti ai media. Sguardi seri, vestiti scuri. Dopo una riunione di crisi del presidente Alexander Van der Bellene il cancelliere Sebastian Kurz informavano la popolazione di uno scandalo di spionaggio che ha scosso il paese da allora.

 

Il servizio segreto tedesco (BND) ha spiato circa 2000 obiettivi in ​​Austria per anni. Imprese, ministeri, centri culturali e religiosi. Il quotidiano "Der Standard" e la rivista "Profil" avevano rivelato la vicenda un giorno prima. "L'estensione della sorveglianza era enorme", ha detto Kurz. E Van der Bellen di sottolineare: "Spiare gli amici è inaccettabile".

 

Anche imprese svizzere sono state prese di mira dal 1999. Un'inchiesta del SonntagsBlicks, da cui apprendiamo della vicenda, mostra che tra gli obiettivi spiati ci sono più di una dozzina di filiali austriache di aziende svizzere. Sono elencati sui documenti segreti di sorveglianza del BND. I nomi più importanti: il gruppo produttore di generici Sandoz in mano alla svizzera Novertis, il gruppo logistico Panalpina, il produttore di vite Bossard, e Tecan Habasit, produttore internazionale di trasmissioni e nastri trasportatori, con sede a Reinach (BL).

 

 

Le società svizzere sono state prese di mira dai servizi segreti tedeschi dal 1999 in poi. Fino al 2006, il BND ha sfruttato le connessioni fax e memorizzato sistematicamente dati telefonici ed e-mail. Parte delle informazioni intercettate è stata trasmessa anche all'agenzia di intelligence statunitense NSA.

 

Non è ancora chiaro cosa quali e quanti dati siano finiti nelle mani dei servizi segreti tedeschi o se si tratti solo di metadati - chi ha comunicato con chi, quando e dove - o anche di contenuti, ad esempio conversazioni telefoniche e conversazioni via e-mail. Lo spionaggio sarebbe nel frattempo stato interrotto.

 

Le rivelazioni hanno causato malumori diplomatici ai più alti livelli. Kurz e Van der Bellen hanno chiesto un primo chiarimento al governo tedesco mentre la procura di Vienna ha avviato un indagine. L'organo di controllo del Bundestag tedesco ha anche

annunciato che controllerà con il BND se gli obiettivi in Austria sono ancora sotto sorveglianza. Inoltre, anche le aziende colpite potrebbero presto agire per via legale.

 

Le società svizzere interessate non vogliono commentare la vicenda al momento. Si riferiscono a indagini in corso. Anche il BND si trincerano dietro un no comment. Solo i servizi d'informazione svizzeri (SIC) confermano di essere a conoscenza della vicenda e che tali attacchi vengono combattuti “nel limite delle proprie risorse".

 

Il fatto che le società svizzere siano state deliberatamente sfruttate solleva la questione se il BND abbia effettuato spionaggio industriale. Ciò sarebbe inammissibile ai sensi della legge tedesca. L'esperto di intelligence Erich Schmidt-Eenboom è convinto che il servizio di intelligence tedesco abbia agito per conto degli Stati Uniti. Gli americani avrebbero voluto ottenere un vantaggio competitivo per la loro economia dalle informazioni ottenute. E dice: "Sono certo che anche i servizi segreti statunitensi e il BND hanno spiato in Svizzera".

 

 

Il Consigliere agli Stati Claude Janiak (PS/BL) vuole che sia fatta chiarezza. È presidente della delegazione aziendale, che esercita il controllo parlamentare sul servizio di intelligence. Janiak vuole verificare la collaborazione con il BND: "Ci incontreremo ad agosto per uno scambio di opinioni con il capo della SIG." Anche la cancelliera tedesca Angela Merkel deve rispondere a delle domande. Lei, che nel corso del caso Snowden aveva affermato: "spiare gli amici non è accettabile".

 

È noto da tempo che il BND spiava obiettivi in ​​vari stati europei. L'estensione ormai pubblicizzata dei dati raccolti sorprende persino gli addetti ai lavori. La lista d'ascolto segreta mostra che i tedeschi non hanno esitato davanti a nulla.

 

Organizzazioni internazionali come l'ONU, l'Agenzia per l'energia atomica o l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa sarebbero altrettanto interessate dalla sorveglianza tedesca così come i ministeri austriaci, le ambasciate straniere e imprese. Il BND ha diretto le sue antenne di ascolto in tutte le direzioni.


Guarda anche 

“Nyffeler e Dario Simion mi hanno impressionato”

BIENNE - La nazionale rossocrociata ha ripreso venerdì la preparazione in vista dei Mondiali del gruppo A che si svolgeranno da metà maggio ad inizio g...
03.05.2021
Sport

Nicole Bullo: “Anche senza l’HCL noi sempre vincenti”

LUGANO - Otto titoli svizzeri in 17 anni con la maglia del Lugano, oltre 250 presenze in rossocrociato, quattro Olimpiadi e undici Mondiali con un bronzo in ciascuna...
19.04.2021
Sport

Tra vento e rigori… il Lucerna costa 3'000'000 al Lugano

LUGANO – Se il Lugano ha ripreso a volare in campionato, tanto da occupare il terzo posto in classifica, martedì a volare è stato il pallone che, sosp...
15.04.2021
Sport

1980, un brutto Europeo. Vince la solita Germania

LUGANO - È un Europeo che nasce sotto una cattiva stella. Lo organizza l’Italia e proprio nel Belpaese tre mesi prima del fischio d’inizio es...
13.04.2021
Sport