Sport, 04 luglio 2018

Maledetti ottavi: questa volta fa davvero male!

L’eliminazione mondiale lascia un magone intenso nei cuori di tutta la Svizzera: la Nazionale però ha sbagliato la partita

SAN PIETROBURGO (Russia) – Ancora una volta gli ottavi di finale ci sono stati fatali, ancora una volta il nostro Mondiale – così come accaduto anche negli Europei – è finito troppo presto in relazione alle nostre qualità e alle nostre capacità. Ma bisogna essere onesti: ieri la Nazionale ha sbagliato la partita, ha faticato a costruire, ha faticato a difendere e ha faticato a coprire gli spazi con quei giocatori – Xhaka e Shaqiri in primis – che spesso non riescono a fornirci anche quella copertura difensiva che nel calcio moderno è fondamentale.

Il buon pareggio ottenuto contro il Brasile, la fondamentale vittoria centrata contro la Serbia, e il 2-2 colto contro la Costa Rica appartengono al passato – ma non vanno buttati via – ma in questo momento chiaramente risulta complicato pensare al passato: la sconfitta maturata contro
la Svezia fa troppo male.

Purtroppo a questa Nazionale manca sempre qualcosa, in special modo un attaccante che possa incidere, che possa far salire la squadra, che possa creare spazi e favorire gli inserimenti dei centrocampisti. È anche vero che gli stessi Xhaka e Shaqiri, protagonisti contro la Serbia, ancora una volta non sono riusciti a far la differenza, non sono riusciti a prendere in mano il gioco e ancora una volta abbiamo sbattuto il muso sull’ostacolo degli ottavi di finale.

La Svizzera torna a casa, però, con alcune note importanti e positive che rispondono ai nomi di Sommer e Akanji: è da qui che dobbiamo ripartire, ma è innegabile che c’è bisogno di affrontare la realtà, di voltare pagina, di fare autocritica e di fare quel passo in più sia per quanto concerne la qualità che la consistenza tecnica-tattica.

Guarda anche 

Una Svizzera ambiziosa. Obiettivo? Salire sul podio

RIGA (Lettonia) - “Sono ottimista per natura: ho grande fiducia nei nostri giocatori. Di sicuro faremo il possibile per inserirci fra i migliori al mondo&rdq...
17.05.2021
Sport

“Mourinho non è finito. La Svizzera è un osso duro”

LUGANO - Ivan Zazzaroni è il direttore del quotidiano sportivo Corriere dello Sport-Stadio nonché del Guerin Sportivo, una delle riviste storiche ...
16.05.2021
Sport

Il Lugano torna a vincere e il Sion vede la Challenge

LUGANO - Quattro sconfitte consecutive (oltretutto senza reti) potevano bastare. Il Lugano, ridisegnato ieri sera da Mister Jacobacci, sconfigge ...
16.05.2021
Sport

Hofmann: “La NHL? Bisogna valutare i pro e i contro…La festa dei tifosi? Capisco i mugugni, ma…”

ZUGO – 18 reti e 23 assist in regular season, 6 gol e 8 passaggi decisivi nei playoff, con tanto di doppietta in gara-3 contro il Ginevra e 1 rete in gara-1 contro ...
14.05.2021
Sport