Sport, 04 luglio 2018

Maledetti ottavi: questa volta fa davvero male!

L’eliminazione mondiale lascia un magone intenso nei cuori di tutta la Svizzera: la Nazionale però ha sbagliato la partita

SAN PIETROBURGO (Russia) – Ancora una volta gli ottavi di finale ci sono stati fatali, ancora una volta il nostro Mondiale – così come accaduto anche negli Europei – è finito troppo presto in relazione alle nostre qualità e alle nostre capacità. Ma bisogna essere onesti: ieri la Nazionale ha sbagliato la partita, ha faticato a costruire, ha faticato a difendere e ha faticato a coprire gli spazi con quei giocatori – Xhaka e Shaqiri in primis – che spesso non riescono a fornirci anche quella copertura difensiva che nel calcio moderno è fondamentale.

Il buon pareggio ottenuto contro il Brasile, la fondamentale vittoria centrata contro la Serbia, e il 2-2 colto contro la Costa Rica appartengono al passato – ma non vanno buttati via – ma in questo momento chiaramente risulta complicato pensare al passato: la sconfitta maturata contro la Svezia fa troppo male.

Purtroppo a questa Nazionale manca sempre qualcosa, in special modo un attaccante che possa incidere, che possa far salire la squadra, che possa creare spazi e favorire gli inserimenti dei centrocampisti. È anche vero che gli stessi Xhaka e Shaqiri, protagonisti contro la Serbia, ancora una volta non sono riusciti a far la differenza, non sono riusciti a prendere in mano il gioco e ancora una volta abbiamo sbattuto il muso sull’ostacolo degli ottavi di finale.

La Svizzera torna a casa, però, con alcune note importanti e positive che rispondono ai nomi di Sommer e Akanji: è da qui che dobbiamo ripartire, ma è innegabile che c’è bisogno di affrontare la realtà, di voltare pagina, di fare autocritica e di fare quel passo in più sia per quanto concerne la qualità che la consistenza tecnica-tattica.

Guarda anche 

Muore annegato cercando di salvare il suo cane

Il corpo senza vita di un uomo di 73 anni è stato ritrovato nel Reno all'altezza della città di confine di Jestetten, in Germania. Il malcapitato era sc...
20.07.2019
Svizzera

Lotta e sconfigge due volte il cancro: firma un contratto con clausola di 70'000'000 col club del suo cuore

BILBAO (Spagna) – Rinnovo contrattuale con clausola rescissoria fissata a 70'000'000 di Euro. E dov’è la novità vi chiederete… in...
19.07.2019
Sport

Il Patto ONU che cova sotto la cenere

E’ un po’ che non si sente più parlare del patto ONU sulla migrazione, detto anche Global Compact. Quello che 165 Stati hanno sottoscritto nel dicembre...
19.07.2019
Svizzera

Fugge da un istituto psichiatrico, un poliziotto gli spara

Un uomo fuggito da un'istituto psichiatrico ha perso la vita mercoledì sera durante un'operazione di polizia a Berna. Ritenuto un "pericolo imminente&...
18.07.2019
Svizzera