Ticino, 14 giugno 2018

"Perchè la RSI non riporta la notizia dell'aggressione della coppia a Bellinzona?"

Non tutti i media ticinesi hanno ritenuto che l'aggressione di un coppia di giovani ticinesi da un gruppo di eritrei a Bellinzona fosse un evento degno di essere riportato. E se un media privato è libero di pubblicare ciò che più gli pare o piace diverso dovrebbe essere il discorso per la RSI, finanziata da soldi pubblici e legata al mandato di "servizio pubblico". RSI che a distanza di cinque giorni dall'accaduto e due da quando è diventata di dominio pubblico ancora non ha ancora riportato la notizia. E la "dimenticanza" della nostra televisione di stato non è passata inosservata al Consigliere nazionale Lorenzo Quadri. "Ohibò: chissà come mai

il Quotidiano RSI non ha ancora dato la notizia dell'aggressione a Bellinzona di una giovane coppia da parte di un gruppo di finti rifugiati eritrei. "Servizio pubblico" o censura di regime?" scrive sui social Quadri prendendosela in particolare con il programma RSI che dovrebbe coprire ciò che accade nella Svizzera italiana.

Sul fronte giudiziario intanto scopriamo, grazie ad un servizio di TeleTicino, che la ragazza 21enne aggredita sabato scorso ha nel frattempo sporto denuncia contro il gruppo di aggressori (non 8 come scrivevamo inizialmente ma più di una decina) ma non altrettanto il fidandazato 19enne, il quale sarebbe ancora scosso dall'accaduto e esiti presentare querela.

Guarda anche 

Elemosina agli indipendenti!? Berna ci mette una “pezza”. Sarà sufficiente?

Comunicato stampa Lugano- Il Sindacato TiSin prende atto che “l'Autorità federale ha deciso di modificare la base di calcolo dell'indennit...
12.05.2020
Ticino

Il soldatino Ghisletta sbrocca

I patetici attacchi personali nei miei confronti da parte del presidente della sezione PS di Lugano Raoul Ghisletta, ormai ridottosi ad esagitato galoppino del DECS e del...
11.05.2020
Ticino

Gli italici tengono le frontiere chiuse mentre noi dovremmo…?

I vicini a sud hanno decisamente passato il limite. La linea rossa, per usare un termine caro al loro connazionale KrankenCassis, è stata superata. Ricordiamo c...
11.05.2020
Svizzera

Dopo cinque anni di sentenze e ricorsi non può ancora essere espulso

Chi la dura la vince. Al suo terzo ricorso al Tribunale amministrativo federale (TAF) un cittadino iraniano, patrocinato dall’avvocato Immacolata Iglio Rezzonico, &...
08.05.2020
Svizzera