Sport, 10 ottobre 2018

Hofmann: “È stato un primo passo avanti. Il passaggio del turno? Non mi interessa, prima il campionato”

L’attaccante del Lugano, autore dei due gol che hanno permesso ai bianconeri di imporsi contro l’JYP e di riaprire il discorso qualificazione in ChL, non guarda troppo avanti: “Non siamo dove vorremmo e lo sappiamo”

LUGANO – Lugano-JYP, 2-0. Il risultato maturato ieri sera alla Cornèr Arena, nel match valido per la quinta giornata del Gruppo H della Champions Hockey League, avrà sorpreso qualcuno – visto che i bianconeri, reduci da due KO consecutivi in campionato e con le spalle al muro in Europa, hanno battuto i campioni in carica – e avrà fatto tornare il sorriso a molti, visto il periodo delicato che stavano attraversando i ragazzi di Ireland. La vittoria maturata, invece, oltre a riaprire le speranze europee dei sottocenerini, può rappresentare un punto di svolta per questo periodo della stagione e ha messo in evidenza nuovamente le doti di scorer di Gregory Hofmann, autore della doppietta decisiva.

“Vincere fa sempre bene, è innegabile – ha esordito ai nostri microfoni – Ma in questo momento non conta tanto vincere o perdere, ora è importante ritrovare le giuste sensazioni, il feeling, la nostra identità, che fino ad ora ci sono mancati”.

Hai parlato di identità e sensazioni: nello scorso weekend, evidentemente, sono venute meno…
È davvero difficile spiegare il perché. Chiaramente sappiamo che non siamo dove vorremmo e dovremmo essere, dobbiamo abbassare la testa e continuare a lavorare, perché tutto tornerà nella normalità. Quello contro l’JYP è stato un primo passo avanti.

Avete comunque conquistato un successo al termine di un match combattuto, non facile da affrontare, con due squadre che spesso sono riuscite a contenersi a vicenda…
Abbiamo lottato per tutta la partita, siamo stati più solidi in difesa e ci siamo creati molte più occasioni in attacco. È stata un po’ questa la chiave della nostra vittoria.

Trovato il raddoppio, a conferma delle sensazioni positive di cui hai parlato, vi siete sbloccati e siete andati vicino al terzo gol…
Abbiamo continuato a lavorare secondo il nostro game-plan, alla fine sapevamo che mancavano ancora 6’-7’. Non ci siamo tirati indietro, ma abbiamo continuato a pressare, così come dovremmo fare sempre.

Una delle cose positive emerse questa sera è stato il boxplay. Una negativa, e purtroppo non è una novità, è stato il powerplay…
C’è da migliorare sotto questo punto di vista, non possiamo negarlo. Ci sono margini di manovra.

Ora, martedì prossimo, avrete l’occasione di superare il girone, andando a vincere in Finlandia…
Sinceramente a me interessa poco di martedì prossimo. Prima ci sono due partite fondamentali in campionato, nelle quali dobbiamo ritrovare la fiducia in noi stessi. Solamente a partire da domenica potremo pensare alla sfida in Scandinavia.

Guarda anche 

Daniele Casalini - Come è stato gestito internamente il cantiere del LAC?

Dagli organi di stampa (vedi Corriere del Ticino del 10.12.2018 u.s.) emerge pubblicamente che il LAC presenta già, dopo solo quasi 5 anni dalla sua ultimazione, d...
13.12.2018
Opinioni

Andrea Censi - Debiti di Campione d'Italia? Deduciamoli dai ristorni dei frontalieri

Il dissesto finanziario del Comune di Campione d’Italia è una situazione oramai nota a tutti. Dopo il recente fallimento della casa da gioco cittadina, fonte...
13.12.2018
Opinioni

Cruccio portieri: il Lugano guarda in Lussemburgo?

LUGANO – Che uno dei problemi di questo Lugano, e di quello della passata stagione, sia quello dei portieri è sotto gli occhi di tutti. Da Costa, che si &egr...
13.12.2018
Sport

Riecco Zeman: il boemo torna in panchina?

FOGGIA (Italia) – Dopo l’esperienza luganese, durante la quale aveva salvato i bianconeri al loro primo anno in Super League, disputando anche una finale di C...
10.12.2018
Sport