Svizzera, 24 maggio 2024

Si vendicava dell'ex moglie prendendo multe a suo nome

Un cittadino kosovaro è stato appena condannato dalla giustizia friburghese per un crimine quantomeno singolare. Per vendicarsi della sua ex compagna si metteva alla guida dell'auto immatricolata a suo nome e prendeva multe di proposito. Il pubblico ministero aveva chiesto una pena detentiva a sette anni e l'avvocato difensore aveva chiesto l'assoluzione. Alla fine, il tribunale di Sarine è andato incontro a entrambe le parti e ha condannato il trentenne a 3 anni e mezzo di prigione. Inoltre, sarà espulso dalla Svizzera per un periodo di dodici anni e gli verrà comminata una multa di 100 franchi. Se la sentenza è più clemente di quanto avrebbe voluto il pubblico ministero, è perché alla fine l'imputato è stato assolto accuse contro di lui, in particolare per accuse di stupro e le coercizione sessuale avanzate dalla ex moglie. Ma, a parte diversi reati minori, i giudici hanno comunque ammesso il tentato omicidio.

Una sera di giugno 2019, mentre era ubriaco, l'imputato si è recato in taxi davanti all'abitazione degli ex suoceri, armato di coltello. Dopo aver detto all'autista “Aspetta qui. Le taglio la testa e torno da te", si è presentato davanti alla porta di casa. Ma, avvertito dal cugino delle cattive intenzioni dell'uomo, l'ex suocero fortunatamente non aveva aperto la porta. Alla fine il kosovaro è stato fermato dalla polizia, chiamata dal tassista.



Il trentenne è stato condannato anche per gestione scorretta. Dopo la separazione, aveva elaborato un sistema per immatricolare, dietro compenso, decine di veicoli appartenenti a viaggiatori, a nome dell'azienda che, almeno ufficialmente, apparteneva all'ex moglie e di cui era amministratore. Ma l'ex moglie non ne sapeva nulla, fino al giorno in cui cominciò a ricevere le multe.

Né il pubblico ministero né gli imputati sono soddisfatti di questa sentenza. Entrambi proporranno quindi ricorso, dopo aver ricevuto la sentenza motivata. Per quanto riguarda invece le multe ricevute dall'ex moglie, la Procura precisa che: “si trattava solo di sanzioni amministrative. Il loro giudizio non era quindi di competenza del Ministero della Repubblica”. Insomma, per quanto possa sembrare incredibile, non vi è alcuna garanzia che non sarà costretta a pagarle.

Guarda anche 

Licenziare un lavoratore in malattia non è per forza illegale, secondo il Tribunale federale

Il Tribunale Federale (TF) ha recentemente preso una decisione che, in alcuni casi, pregiudica la tutela dei dipendenti contro il licenziamento durante il congedo per mal...
09.06.2024
Svizzera

Causa danni per 26'000 franchi dopo aver cercato di rubarne 100

Nel marzo 2023 un 25enne residente a Zugo ha scassinato la cassa di una stazione di benzina da dove ha prelevato un magro bottino di 100 franchi. Così facendo ha p...
04.06.2024
Svizzera

Richiedente l'asilo espulso dalla Svizzera per aver minacciato "Charlie Hebdo"

Da mercoledì mattina un richiedente l'asilo siriano residente nel Canton Argovia è stato ascoltato dal Tribunale penale federale di Bellinzona (TPF). Al...
30.05.2024
Svizzera

Erano andate in Siria per unirsi all'ISIS, condannate (ma niente espulsione)

Il Tribunale penale federale ha condannato giovedì con due pene sospese due sorelle che si erano recate in Siria nel febbraio 2015 per unirsi allo Stato islamico (...
24.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto