Svizzera, 03 maggio 2024

Per le multinazionali profitti record mentre imperversava l'inflazione

Negli ultimi anni, i prezzi di innumerevoli prodotti e servizi sono cresciuti come non si era mai visto prima. Dagli affitti all'elettricità, anche i prodotti di marca venduti dalle multinazionali sono stati venduti a prezzi molto più alti di prima. Per esempio, il prezzo di una lattina di Coca Cola è passato da 90 centesimi a 1,05 franchi, un tubetto di senape Thomy della Nestlé costa 25 centesimi in più rispetto a qualche anno fa, un gel doccia Dove, del gruppo Unilever, quasi il 12% più caro.

La rivista di consumo di lingua tedesca “Saldo ” ha confrontato attentamente le etichette di diversi prodotti di consumo dal 2022 a oggi in Svizzera. La testata sospetta che le grandi aziende abbiano aumentato i prezzi ben oltre quanto l'inflazione abbia influenzato i costi di produzione. E i consistenti profitti, nell’ordine delle centinaia di miliardi, annunciati da Nestlé, Coca-Cola e Unilever lo scorso anno sembrano confermare questa tesi. Secondo i dati inviati agli azionisti, Nestlé ha aumentato i prezzi del 7,5%, l'insieme dei prodotti e dei paesi, Unilever del 6,8% e Coca-Cola del 10%. Se ufficialmente questo sviluppo seguisse la curva dell’inflazione, in realtà consentirebbe a questi marchi di guadagnare di più. “I margini di profitto lordi, secondo i conti annuali, mostrano chiaramente che i gruppi hanno fatto pagare di più ai clienti”, scrive “Saldo”.



Secondo l'Ufficio federale di statistica, l'aumento dei prezzi dei generi alimentari lo scorso anno è stato una delle principali cause dell'inflazione per gli svizzeri. Anche la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, l’estate scorsa ha criticato le multinazionali per aver aumentato i prezzi “oltre la semplice pressione sui costi”. Nestlé lo smentisce e afferma di non aver completamente compensato la “notevole inflazione degli ultimi due anni” attraverso l’aumento dei prezzi.

L’azienda afferma di aver dato priorità al miglioramento dell’efficienza per attutire l’aumento dei costi. Unilever promette inoltre di puntare all’efficienza prima di far pagare di più ai consumatori. Coca-Cola da parte sua non ha preso posizione. Negli ultimi due anni “Saldo” ha notato anche notevoli aumenti dei prezzi sugli scaffali di altri marchi famosi come Pepsi, Lindt & Sprüngli e L'Oréal. Aziende che lo scorso anno hanno tutte annunciato solidi profitti.


Guarda anche 

L'inflazione resta stabile, ma cibo e vacanze sono sempre più cari

A maggio il tasso di inflazione è rimasto stabile all’1,4%. Una buona notizia per i consumatori, anche visto che gli esperti si aspettavano un leggero aument...
05.06.2024
Svizzera

Tra viaggi e hotel più cari, andare in vacanza è sempre più costoso

Andare in vacanza è sempre più caro, secondo uno studio pubblicato martedì da Comparis.ch. Infatti, i prezzi dei voli aerei sono aumentati in media d...
22.05.2024
Svizzera

Mister prezzi accusa Coop e Migros di praticare la “scusaflazione”

Il Sorvegliante dei prezzi Stefan Meierhans accusa Coop e Migros di “scusaflazione”. Termine utilizzato quando un'azienda approfitta dell'inflazione g...
15.05.2024
Svizzera

Il prezzo dei chicchi di caffè è esploso negli ultimi mesi

Il prezzo dei chicchi di caffè è esploso nel corso degli ultimi mesi. Nell'arco di dodici mesi il prezzo dei chicchi Robusta è aumentato del 60%....
10.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto