Magazine, 21 agosto 2023

“Mi sono schifato. Eravamo 100 cani su una gatta, ma la carne è carne…”. Confessa il minorenne dello stupro di Palermo: scarcerato

Uno dei sette ragazzi protagonisti dello stupro di Palermo dello scorso 7 luglio ha confessato il tutto e nel frattempo spuntano alcune chat davvero raccapriccianti

PALERMO (Italia) – Prima svolta nel caso dello stupro di Palermo, avvenuto lo scorso 7 luglio. Uno dei sette accusati di aver partecipato alla violenza sessuale, colui che ai tempi era minorenne e che nel frattempo ha compiuto 18 anni, ha confessato davanti al gip del tribunale dei minori del capoluogo siciliano. I carabinieri hanno anche trovato un video in uno dei cellulari degli arrestati che lascia pochi dubbi sulla presenza effettiva anche del ragazzo minorenne durante lo stupro.
 
 
La confessione ha portato alla scarcerazione dell’indagato, che si trova in comunità. 

 
 
Nel frattempo sono state trovate anche alcune chat davvero raccapriccianti, con alcuni messaggi mandati dagli indagati dopo la violenza. “Se ci penso mi viene lo schifo, perché eravamo cento cani sopra una gatta, una cosa così l’avevo vista solo nei porno, eravamo troppi e sinceramente mi sono schifato un poco, però che devo fare, la carne è carne, ma ti giuro che dopo che si è sentita pure male, piegata a terra, ha chiamato l’ambulanza, l’abbiamo lasciata e siamo andati via. Voleva farsi a tutti, alla fine le abbiamo fatta passare il capriccio”, scriveva uno degli indagati che a quanto pare conosceva la vittima 19enne.
 
 
Nel suo telefono sono stati trovati anche due video della violenza, poi inviati ad altre persone.
 
 
“Le ho fatto male, lei non voleva, faceva ‘no, basta’. I pugni che le davano e pure gli schiaffi, non respirava”, sono le parole captate dai Carabinieri nel corso delle intercettazioni delle conversazioni dei ragazzi.
 
 
Stando alle indagini, il giorno dopo lo stupro, il conoscente della giovane, che avrebbe ripreso la violenza col cellulare è stato messo in guardia da un conoscente sulla possibile denuncia della vittima. “Stai attento a questi video”. “Sì, infatti li sto eliminando tutti, li sto mandando solo a chi dovevo mandarli e li elimino, perché non ne voglio più sapere niente di questa storia”.

Guarda anche 

Stupro sul TILO, condannato anche il complice

Il complice del richiedente l'asilo che lo scorso ottobre violentò una ragazza su un treno regionale tra Lugano-Chiasso è stato a sua volta condannat...
05.06.2024
Ticino

Premier League di nuovo sotto shock: arrestati due calciatori per violenza sessuale

LONDRA (Gbr) – Una nuova bufera legata alla violenza sessuale scuote la Premier League: stando a quanto riportato in esclusiva dal ‘Daily Mail’, due 19e...
25.04.2024
Sport

Stupro sul treno: annullato il processo del "palo", che sarà processato come minorenne

Il richiedente l'asilo accusato di aver partecipato allo stupro di una 15enne lo scorso ottobre sarà giudicato dal Tribunale dei minorenni. È quanto ha ...
29.03.2024
Svizzera

Dani Alves e il processo per stupro: rischia 12 anni

BARCELLONA (Spagna) – È iniziato il processo per stupro nei confronti di Dani Alves, accusato di violenza sessuale ai danni di una giovane 23enne nel bagno d...
06.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto