Svizzera, 26 maggio 2023

Pubblicità nelle bucalettere, la Posta denunciata da un'associazione di consumatori

La Posta ci tiene che i postini possano inserire della pubblicità dei volantini nelle bucalettere. Il gigante giallo ha infatti inviato una lettera a 300'000 svizzeri con un login all'ufficio postale, invitandoli a rimuovere l'adesivo "No pubblicità" e a dare il loro benestare a ricevere materiale pubblicitario. L'argomento principale: La Posta promette che gli sconti offerti nelle pubblicità possono fare risparmiare fino a 2548 franchi all'anno. E c'è anche un concorso: se si cambia idea e si accetta la pubblicità, si può partecipare all'estrazione di "un premio del valore di 2'600 franchi", si legge sul sito web della Posta.

Ma questo approccio infastidisce alcuni. La Federazione romanda dei consumatori (FRC) ha infatti presentato una denuncia contro La Posta alla Commissione svizzera per la correttezza, ha annunciato. Questa istituzione privata riceve e giudica i reclami sulla pubblicità e può formulare raccomandazioni alle aziende, ma non può punirle o costringerle a cambiare le loro pratiche.



"L'energia impiegata per colpire deliberatamente le persone che rifiutano la pubblicità è sorprendente. Abbiamo il diritto di aspettarci che un'azienda pubblica mostri un po' più di considerazione per le scelte dei consumatori", scrive la FRC. "Ad oggi non siamo a conoscenza di reclami", afferma da parte sua La Posta, aggiungendo che porterà la sua posizione direttamente alla Commissione.

Per quanto riguarda il rimprovero di scarsa considerazione, La Posta lo contesta: se una persona appone l'adesivo per dire no alla pubblicità, "ovviamente La Posta lo rispetta". Tuttavia, cita persone che hanno "ereditato" da precedenti inquilini una cassetta delle lettere su cui è stato apposto l'adesivo, ma che sarebbero dispost ricevere materiale pubblicitario.

Per La Posta, la pubblicità non è una questione di poco conto: "circa 500 posti di lavoro a tempo pieno dipendono dagli invii pubblicitari", afferma la portavoce Nathalie Dérobert, aggiungendo che "quasi la metà del volume degli invii trattati è costituita da invii non indirizzati, la maggior parte dei quali è costituita da pubblicità. Essi contribuiscono quindi a finanziare il servizio universale".

Guarda anche 

La Confederazione vuole vietare la pubblicità prodotti zuccherati ai minorenni

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la pubblicità dei prodotti ricchi di zucchero non è adatta ai bambini. I suoi rappresenta...
28.01.2024
Svizzera

In futuro la Posta potrebbe essere distribuita tre volte a settimana

In futuro la Posta potrebbe essere distribuita solo tre volte a settimana. Secondo informazioni riportate dal settimanale “Schweiz am Wochenende”, il Consigli...
28.01.2024
Svizzera

La proposta di matrimonio in pubblico finisce male: “Che c***o fai? Non ero pronta”

ROMA (Italia) – Chissà quante donne, o uomini, vorrebbero e sognano una proposta di matrimonio in grande stile, con l’amato/a in ginocchio davanti a s&...
31.12.2023
Magazine

"Meno tasse per i ticinesi e imposte di circolazione bloccate a 80 milioni"

Il gruppo parlamentare della Lega dei Ticinesi, in un comunicato stampa, esprime soddisfazione per l'esito dell'esito delle votazioni dell'ultima sessione par...
14.12.2023
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto