Svizzera, 12 maggio 2023

La Confederazione vuole pagare i cappellani nei centri asilanti, ma solo quelli musulmani

Delle voci religiose si oppongono alla revisione della legge sull'asilo. La Confederazione vuole chiarire i punti relativi alla sicurezza nei centri federali. La consultazione si è appena conclusa e la questione dei servizi ecclesiastici sta creando tensioni. Le chiese protestanti e cattoliche e un'associazione ebraica hanno annunciato lunedì di "rifiutare categoricamente" la misura proposta.

In poche parole, la Confederazione vuole sostenere finanziariamente i servizi ecclesiastici forniti nei suoi centri. Tuttavia, vuole anche evitare "doppi pagamenti" e quindi vuole riservare i suoi contributi "solo alle comunità religiose che non hanno il diritto di riscuotere le tasse ecclesiastiche". Di conseguenza, solo gli imam musulmani riceverebbero finanziamenti.

A gennaio, la Segreteria di Stato per la Migrazione ha tratto un bilancio positivo da un progetto pilota che vede degli imam impiegati nei centri asilanti e ha annunciato che sarebbe stata introdotta nei suoi centri in modo permanente. Gli imam riceverebbero quindi un finanziamento pari a circa 450'000 franchi all'anno.



Per le chiese cristiane, tuttavia, il ragionamento di Berna è sbagliato. "Il denaro pubblico è in gioco solo in quei pochi cantoni che pagano contributi diretti alle chiese o alle comunità religiose. Tuttavia, si tratta di servizi specifici forniti alla popolazione di un cantone", sottolineano, e non di interventi nei centri per richiedenti asilo. Inoltre, la situazione varia troppo da cantone a cantone e una norma del genere a livello nazionale sarebbe fuori luogo. Di conseguenza, se la Confederazione finanziasse le chiese per dei servizi ecclesiastici, non ci sarebbe un "doppio pagamento".

Il Consiglio federale dovrà quindi decidere se portare avanti la sua proposta o modificarla, tenendo conto dei risultati della consultazione.


Guarda anche 

Aumento record delle domande d'asilo nel 2023

La Segreteria di Stato della migrazione ha registrato un aumento significativo delle domande d’asilo nel 2023: 30’223 persone hanno chiesto asilo in Svizzera,...
16.02.2024
Svizzera

Pronta un'iniziativa per limitare le domande di asilo e ripristinare i controlli ai confini

L'UDC sta per lanciare un'iniziativa per ripristinare controlli sistematici ai confini svizzeri e limitare le domande di asilo. Secondo quanto riferiscono le test...
06.02.2024
Svizzera

"Richiedenti l'asilo dipinti come vittime, il doppiopesismo della RSI"

La Lega dei Ticinesi, con un comunicato stampa, si scaglia contro un nuovo servizio della RSI. In questo caso a suscitare le critiche del movimento di Via Monte Boglia &e...
31.01.2024
Ticino

Il CF vuole risparmiare sull’asilo: realtà o imbroglio?

Il Consiglio federale afferma di voler risparmiare nel settore dell’asilo. E sarebbe anche ora: a questa voce la Svizzera spende 4 miliardi di franchi all’...
28.01.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto