Svizzera, 10 maggio 2023

Denuncia un furto, si scopre che 24 anni fa aveva commesso un omicidio

Nel giugno 1999, a Bienne (BE), una famiglia era stata presa in ostaggio e uno dei figli è stato ucciso con un colpo di pistola. A 24 anni di distanza dall'episodio, il probabile autore è stato scoperto. Lo stesso omicida aveva attirato l'attenzione della polizia denunciando un furto con scasso di cui era stato vittima più di 15 anni dopo il fatto.

Come riporta “20 minutes”, nella notte tra il 24 e il 25 giugno 1999, quattro uomini mascherati hanno fatto irruzione nell'abitazione di una famiglia e hanno legato, minacciato con le armi e scioccato una coppia e il loro figlio di 14 anni. I due figli più grandi erano in giro quando gli autori hanno fatto irruzione. Quando i due figli sono tornati, i ladri erano ancora presenti. I ladri sono fuggiti e hanno sparato diversi colpi attraverso la finestra con una pistola mitragliatrice Uzi. Il figlio 22enne è stato colpito mortalmente. I quattro uomini hanno rubato un'arma e gioielli per un valore di diverse migliaia di franchi.



La procedura "si è rivelata estremamente complessa", spiega la polizia cantonale bernese annunciando la messa in accusa del 64enne. Tracce di DNA degli autori sono state prelevate e analizzate sulla scena del crimine, ma non hanno dato alcun risultato. La polizia aveva allora interrogato più di 200 persone. Il 31 luglio 2001, il procedimento è stato sospeso perché non è stato possibile identificare gli autori. Sulla base di nuove prove, il caso è stato riaperto nell'aprile 2016. Il macedone del nord, ora accusato, aveva denunciato alla polizia cantonale bernese un furto con scasso nel proprio chiosco. Da questa indagine è emersa una corrispondenza con una traccia di DNA proveniente dalla scena del crimine di Bienne. Dopo numerosi altri controlli, l'uomo è stato finalmente arrestato nel gennaio 2021 e da allora si trova in carcere preventivo. I tre complici non sono ancora stati identificati.

Guarda anche 

Un predicatore islamico condannato per frode e razzismo non dovrà lasciare la Svizzera

Il predicatore islamico Abu Ramadan non dovrà lasciare la Svizzera, nonostante una condanna di espulsione in primo grado. Lo ha deciso venerdì l'Alta Co...
15.06.2024
Svizzera

La madre accusata di aver ucciso la figlia di 8 anni condannata all'ergastolo

La madre residente nel canton Berna accusata di aver ucciso la figlia di 8 anni passerà il resto della sua vita in carcere. "Ci auguriamo che questa bambina a...
14.06.2024
Svizzera

Il Canton Berna introduce per primo la carta di pagamento per richiedenti l'asilo

Il Canton Berna potrebbe essere il primo cantone a introdurre un sistema di carte di pagamento per i richiedenti l’asilo. Il Gran Consiglio bernese ha infatti ap...
14.06.2024
Svizzera

Due ricercati per un violento omicidio in Germania arrestati in Svizzera

Due cittadini turchi sospettati di essere gli autori di un violento omicidio a Berlino sono stati arrestati a Ginevra la settimana scorsa. I due uomini, di 17 e 21 anni, ...
08.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto