Svizzera, 23 marzo 2023

"Americani e francesi stavano prendendo a calci il cu*o degli svizzeri"

Il Financial Times britannico ha descritto in dettaglio gli ultimi giorni del Credit Suisse. L'articolo, supportato da informazioni provenienti da vari stakeholder di alto profilo, ripercorre gli ultimi giorni della seconda banca svizzera e come si è arrivati all'acquisizione improvvisa da parte di UBS.

"Vi fonderete con UBS e lo annuncerete domenica prima dell'apertura dei mercati asiatici. Questa non è un'opzione", hanno detto le autorità svizzere ai vertici del Credit Suisse mercoledì scorso, mentre annunciavano i primi 50 miliardi di aiuti della BNS.

Giovedì, quando le due banche hanno cominciato a intravedere l'inevitabile esito, un'armata di consulenti e avvocati era al lavoro per preparare l'accordo. Ma non si sono quasi mai parlati faccia a faccia. La "trinità" delle autorità svizzere, composta dal Consiglio federale, la BNS e la FINMA, fungeva da intermediario, con Karin Keller-Sutter come "figura chiave".



Un consigliere di UBS citato dal portale britannico sostiene che Karin Keller-Sutter era sotto pressione con gli americani e i francesi "stavano prendendo a calci il cu*o degli svizzeri" per spingerli a salvare il Credit Suisse ed evitare una crisi globale. E mentre le trattative sarebbero iniziate cordialmente, il Consiglio federale è diventato "più aggressivo" con il passare delle ore.

Allo stesso tempo, i deflussi del Credit Suisse stavano aumentando e alcuni ritenevano che la banca non avrebbe potuto aprire i battenti lunedì senza un salvataggio. Un intervento da parte della multinazionale statunitense BlackRock venerdì non ha avuto successo, così come un'ipotesi di nazionalizzazione.

Sabato il presidente del Credit Suisse Axel Lehmann ha scritto direttamente a UBS per esprimere "l'estremo disagio" dei maggiori azionisti del Credit Suisse all'idea che la banca venisse fagocitata in un contratto "opaco" senza consultazione da parte degli azionisti (come prevede in teoria la legge).

In quel momento UBS fece la sua prima offerta da un miliardo di dollari e il Consiglio federale preparò la legislazione d'emergenza per aggirare il voto degli azionisti. Di fronte a questa offerta ridicola, Credit Suisse si infuria e rifiuta. UBS ha poi aumentato l'offerta, ma ha chiesto in cambio garanzie alla Confederazione.

Domenica le ore sono volate e "le due banche non si sono quasi mai incontrate faccia a faccia nonostante i loro uffici siano uno accanto all'altro sulla Paradeplatz", scrive il Financial Times. Tutto è avvenuto molto rapidamente e sono state fatte delle aggiunte al contratto per poterlo firmare. Karin Keller-Sutter si è sentita sollevata quando ha saputo che le due banche avrebbero firmato. Poi è stata organizzata la conferenza stampa a Berna e l'accordo è stato reso pubblico.

Guarda anche 

La madre accusata di aver ucciso la figlia di 8 anni condannata all'ergastolo

La madre residente nel canton Berna accusata di aver ucciso la figlia di 8 anni passerà il resto della sua vita in carcere. "Ci auguriamo che questa bambina a...
14.06.2024
Svizzera

"Il franco forte è una benedizione per i consumatori"

Il franco forte è una maledizione o una benedizione? Una questione che da tempo tormenta economisti e cittadini comuni. Per cercare di rispondere a tale domanda il...
14.06.2024
Svizzera

Il Canton Berna introduce per primo la carta di pagamento per richiedenti l'asilo

Il Canton Berna potrebbe essere il primo cantone a introdurre un sistema di carte di pagamento per i richiedenti l’asilo. Il Gran Consiglio bernese ha infatti ap...
14.06.2024
Svizzera

"Adeguare gli assegni familiari dei frontalieri al costo della vita italiano"

Una mozione del Consigliere nazionale Lorenzo Quadri chiede di adeguare gli assegni familiari dei frontalieri al costo della vita italiano.. “Il differenziale tr...
13.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto