Svizzera, 21 marzo 2023

Credit Suisse vista dall'estero: “Un duro colpo alla Svizzera come potenza economica”

L'acquisizione del Credit Suisse da parte di UBS è stato commentata dai media internazionali, soprattutto in Germania e nel Regno Unito. La maggior parte condivide l'opinione dello "Spiegel" tedesco, secondo cui si tratta della "fine di una lunga discesa all'inferno e forse il preludio di una crisi ancora più grande".

Lo "Spiegel" sottolinea che l'acquisizione è stata fatta per una mancia e con "l'aiuto eutanasico" della Confederazione, senza il quale UBS non avrebbe mai accettato la fusione. "Per quello che ci aspetta in termini legali, normativi e finanziari, al di là del ridicolo prezzo di acquisto di tre miliardi di franchi per oltre 40 miliardi di franchi di capitale del Credit Suisse, è incerto".

La fine del Credit Suisse viene paragonata anche in Germania alla fine di Swissair o al salvataggio di UBS nel 2008. "In ogni caso, delle icone dell'economia svizzera sono state distrutte. Questo influisce sull'immagine della Svizzera come potenza economica nonostante le sue piccole dimensioni", analizza la "Süddeutsche Zeitung".



Il Wall Street Journal sottolinea che UBS non ha mai voluto questo "matrimonio forzato" a causa della "lunga lista di scandali e problemi" che hanno afflitto Credit Suisse. E "alla faccia dei 13 anni di regolamentazione bancaria" messi in atto dopo la crisi del 2008. "Domenica abbiamo assistito al salvataggio in preda al panico di una banca troppo grande per fallire, un fallimento che le nuove regole avrebbero dovuto evitare", secondo il quotidiano statunitense.

Nel Regno Unito, il Financial Times ritiene che le autorità svizzere avessero poca scelta. "Alla fine sono stati i clienti del Credit Suisse a decidere il loro destino, non gli investitori", scrive. E ricorda i miliardi di capitale azionario ritirati la scorsa settimana. "Forse le autorità svizzere saranno criticate per aver fatto troppo poco per aprire l'asta a offerte non svizzere. Ma si può davvero biasimarle? Anche tenendo conto del fatto che UBS probabilmente venderà alcune delle sue attività, questo accordo sarà un valore aggiunto per gli azionisti di UBS", afferma.

In Gran Bretagna, la BBC considera l'acquisizione come "un danno costoso alla reputazione della Svizzera come luogo sicuro in cui investire". L'Economist è preoccupato per il futuro se ci saranno problemi con la futura UBS XXL. Secondo l'Economist, una fusione non è più un'opzione. "Il nuovo istituto sarà semplicemente troppo grande per un'operazione del genere.

Guarda anche 

"IPCT dominata da ErreDiPi: la garanzia che la spremitura del contribuente non terminerà mai!"

L'elezione di tre rappresentanti di ErreDiPi nel Cda dell'Istituto di previdenza del Canton Ticino avrà conseguenze negative per i cittadini, secondo la Le...
30.05.2024
Ticino

"Sindacati dalla parte dei frontalieri, contro i residenti"

La Lega dei Ticinesi, tramite un comunicato stampa, si dice sconcertata per una manifestazione prevista sabato 25 maggio a Como, organizzata tra gli altri anche da sindac...
16.05.2024
Ticino

"Il Ministero pubblico conferma: non esiste alcun 'caso Gobbi'"

Il comunicato stampa del Ministero pubblico in cui si annuncia che un ufficiale della Polizia risulta indagato è la dimostrazione che il caso Gobbi non sussiste ed...
19.04.2024
Ticino

“Per una Svizzera forte”? No, per una Svizzera inesistente!

La Lega dei Ticinesi apprende con sconcerto del lancio di una nuova iniziativa popolare dall’assurdo ed ingannevole titolo “Per una Svizzera forte (iniziativa...
04.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto