Svizzera, 10 marzo 2023

La moglie muore asfissiata durante un gioco sessuale, condanna accorciata da 13 a 3 anni

Un notaio di Soletta, accusato di aver ucciso la moglie con un cuscino una notte trascorsa nella loro casa di vacanza in Vallese, ha visto la sua pena in carcere acciorciata a 3 anni dagli iniziali 13 anni inflitti. Dedotto il periodo già trascorso l'uomo sarà libero tra sei mesi. "Nel caso di un uomo accusato di aver ucciso la moglie con un cuscino, giovedì i giudici si sono convinti che l'accusa non è riuscita a dimostrare una versione alternativa a quella dell'asfissia accidentale” si legge nella sentenza, ripresa dai media romandi.

Sulla base delle prove forensi, i giudici hanno accettato "che le lesioni fisiche della moglie potrebbero essere state causate con il suo consenso e mentre era viva durante un intenso rapporto sessuale". Anche l'assenza di un movente e di un intento omicida, così come "l'armoniosa relazione della coppia" hanno giocato a favore dell'imputato, che è stato giudicato colpevole “solo” di omicidio colposo.



La Camera Penale d'Appello e di Revisione del canton Vallese (CPAR), tuttavia, ha imposto la massima pena possibile in questi casi, sottolineando la "negligenza particolarmente grossolana" del 70enne. "Bastava pensare a lei. Un semplice gesto avrebbe potuto evitare questo esito fatale. Hai tradito la sua fiducia quando ti aveva affidato il bene più prezioso, la sua vita", ha sostenuto il presidente della corte, Gregory Orci, che si è rammaricato della mancanza di consapevolezza dell'imputato. "Obiettivamente, sì! Lei l'ha uccisa. È ora che tu lo sappia e che esca dalla negazione in cui ti trovi".

Ha anche sottolineato "l'esecrabile collaborazione dell'imputato che non ha esitato a mentire ai figli della vittima e alla corte. La sua menzogna, che non è pia, riflette un uomo centrato su se stesso".
L'uomo è stato quindi condannato a tre anni di reclusione con sospensione parziale, a causa della sua fedina penale pulita. Questo verdetto contrasta con i 13 anni di reclusione inflitti dal tribunale di primo grado. L'uomo, che ha già trascorso quasi un anno dietro le sbarre, sarà libero tra circa sei mesi.

Guarda anche 

Vive da sola in un appartamento sussidiato di 6 locali e il comune non può sfrattarla

In questi tempi di mancanza di alloggi c'è una persona che non ha problemi di spazio: una pensionata che abita sola a Zurigo in un appartamento di 6 locali fin...
13.04.2024
Svizzera

Una madre a processo per l'omicidio delle due figlie

Una quarantenne rischia l'ergastolo per aver accoltellato le figlie nel gennaio 2021. Per il Ministero pubblico la donna ha commesso questo atto per vendicarsi del pa...
11.04.2024
Svizzera

La Corte europea per i diritti dell'uomo condanna la Svizzera per "inazione climatica"

Martedì la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato per la prima volta uno Stato, la Svizzera, per violazione della Convenzione sui diritti del...
09.04.2024
Svizzera

Tentano di rubargli l’auto e poi lo freddano: muore il 24enne difensore Luke Fleurs

JOHANNESBURG (Sudafrica) – Quel sogno di ripercorrere la carriera del suo idolo, Charles Puyol, resterà solo un sogno spezzato in una stazione di servizio al...
05.04.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto