Svizzera, 05 marzo 2023

Due detenuti con passaporto svizzero accusati di terrorismo non saranno trasferiti in Svizzera

La Confederazione rifiuta di far scontare la pena in Svizzera a due uomini con passaporto svizzero incarcerati in Marocco con l'accusa di terrorismo. I due sono stati condannati in relazione all'omicidio a sfondo jihadista di due giovani turisti scandinavi nel dicembre 2018 a Imlil. Dopo aver respinto due richieste di trasferimento presentate da uno dei due detenuti (nei confronti del quale, peraltro, è stato avviato un procedimento di privazione della cittadinanza), il 27 febbraio l'Ufficio federale di giustizia (UFG) ha emesso una decisione analoga per l'altro uomo, riporta l'emittente romanda "RTS".

In entrambi i casi, l'UFG si è basato su un parere negativo del Ministero pubblico di Ginevra, cantone nel quale i due risiedevano. Quest'ultimo ha scritto all'UFG il 17 febbraio opponendosi al trasferimento dei due detenuti. Le ragioni di queste obiezioni non sono note, ma sono chiaramente legate alla sicurezza. In un rapporto del Servizio delle attività informative della Confederazione (CRS) del 10 febbraio 2021 si afferma che uno dei due detenuti rappresenta "una minaccia per la sicurezza interna della Svizzera" a causa dei "suoi contatti con viaggiatori motivati dalla jihad" e dei suoi "possibili piani passati per raggiungere la zona siro-irachena".



Le famiglie e gli avvocati dei due contestano vigorosamente questi elementi. Intervistata da RTS, l'avvocato di uno dei due detenuti ha dichiarato che le condizioni di detenzione del suo cliente erano deplorevoli e che c'era il rischio concreto che questi ponesse fine alla sua vita. Un altro dei suoi avvocati, ha affermato che la Svizzera non starebbe svolgendo il suo ruolo di protezione dei suoi due cittadini. Negando che fossero terroristi e considerandoli prigionieri di una spirale giudiziaria segnata dall'arbitrarietà, ha ritenuto che la Confederazione dovesse "riconoscere questa ingiustizia" e "fare tutto il possibile per rimpatriarli".

I rifiuti di trasferimento non sono soggetti a ricorso, ma i due avvocati intendono presentare nuove richieste.

Guarda anche 

I giovani UDC pubblicano un'immagine che raffigura un terrorista vicino al vincitore di Eurovision, media e sinistra si scandalizzano

Che cosa hanno in comune l'attentatore di Mannheim e il vincitore di Eurovision Nemo? Entrambi sarebbero una minaccia per la libertà, stando alla sezione giova...
06.06.2024
Svizzera

Germania, uomo accoltella diverse persone a Mannheim: ferito attivista anti Islam

Un uomo ha accoltellato sei persone venerdì a Mannheim, in Germania, attaccando un raduno di un movimento anti-islamico vicino all'estrema destra, un atto desc...
01.06.2024
Mondo

Erano andate in Siria per unirsi all'ISIS, condannate (ma niente espulsione)

Il Tribunale penale federale ha condannato giovedì con due pene sospese due sorelle che si erano recate in Siria nel febbraio 2015 per unirsi allo Stato islamico (...
24.05.2024
Svizzera

Due sorelle islamiste a processo per aver pianificato un'attentato contro l'ONU

Due sorelle cinquantenni residenti nel canton Vaud saranno processate il ​​7 maggio dal Tribunale penale federale a Bellinzona. Le due sono accusate di aver pianifica...
01.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto