Svizzera, 18 gennaio 2023

“I vertici del PS non hanno più voglia di difendere Berset”

Con la vicenda delle informazioni confidenziali trasmesse al gruppo Ringier, il neoeletto Presidente della Confederazione Alain Berset è stato travolto dall'ennesimo scandalo ed è di nuovo sotto il fuoco delle critiche.

Ma se in passato i membri del PS, compresi i vertici del partito, sono stati rapidi e agguerriti nel difendere il loro Consigliere federale in casi simili, dopo gli ultimi sviluppi sono rimasti in silenzio, fa notare il portale “20 minuten”. Né il presidente del co-partito Cédric Wermuth né il capogruppo parlamentare Roger Nordmann hanno risposto quando gli è stato chiesto di commentare il caso. Anche diversi altri parlamentari del PS tacciono quando vengono interpellati e non si sente nulla da loro sui canali dei social media.

Per il comunicatore di crisi Beat Krättli, interpellato da “20 minuten”, il motivo di tale silenzio è chiaro: "I vertici del PS sono imbarazzato nel commentare l'ennesimo scandalo Berset. In singoli casi, si potrebbe comunque commentare e minimizzare. Ma questo caso è uno di troppo e ha una nuova dimensione: si tratta di una violazione del segreto d'ufficio. O Berset non ha il controllo della sua attività e non sapeva cosa stesse facendo il suo responsabile delle comunicazioni, oppure lo sapeva e ora sta mentendo. Né l'uno né l'altro possono essere ignorati. Anche la leadership del PS lo sa".



Per Krättli, questa strategia di comunicazione è "una danza sulle uova, ma al momento è l'unica che hanno". Che Berset lo sapesse o meno è irrilevante. "In ogni caso, la sua credibilità ha risentito di tutti gli incidenti". Ha detto che il problema fondamentale della politica è che le persone sono pronte a creare ostilità, mentre sono cieche da un occhio quando si tratta del loro stesso partito. Sul piano interno, tuttavia, Berset dovrà certamente rispondere alle domande della leadership del PS, secondo Krättli.

Il politologo Michael Hermann ritiene che Berset abbia perso il suo status di star. "Non ha più l'immagine di uomo forte e popolare che aveva durante la pandemia". Inoltre, le elezioni del Consiglio federale hanno segnato un nuovo corso: ora c'è un numero eccessivo di romandi in Consiglio federale. E Berset è stato eletto al Consiglio federale con un pessimo risultato.

Inoltre, l'ultimo scandalo non era di natura privata come i precedenti. Il riferimento alla privacy ha facilitato la difesa del partito. Ora il caso è di interesse pubblico. L'euforia per la difesa di Berset è probabilmente scemata nel PS, dice Hermann. "Doversi difendere costa sempre risorse", afferma.

Guarda anche 

Caso Berset, il Parlamento lancia un'inchiesta sulle fughe di notizie

Ci sarà un'inchiesta parlamentare sul coinvolgimento di Alain Berset nella fuga di informazioni dal suo dipartimento alla stampa. Le Commissioni di gestione de...
25.01.2023
Svizzera

Caso Berset, rese pubbliche alcune email scambiate tra l'ex capo della comunicazione e Ringier

Lo “Schweiz am Wochenende” ha pubblicato ieri una parte delle e-mail scambiate tra l'ex capo della comunicazione di Alain Berset, Peter Lauener, e l'e...
22.01.2023
Svizzera

Vicenda Berset, notizie confidenziali in cambio di critiche a Cassis

Lo scorso fine settimana è emerso che l'ex capo della comunicazione di Alain Berset, Peter Lauener, ha regolarmente trasmesso informazioni confidenziali sulle ...
20.01.2023
Svizzera

Il parlamento si chinerà sulla fuga di notizie dal dipartimento di Berset

Il Parlamento esaminerà le "fughe di notizie" rivelate dalla stampa lo scorso fine settimana nel Dipartimento dell'Interno (DI). Le Commissioni di ge...
17.01.2023
Svizzera