Svizzera, 18 gennaio 2023

“I vertici del PS non hanno più voglia di difendere Berset”

Con la vicenda delle informazioni confidenziali trasmesse al gruppo Ringier, il neoeletto Presidente della Confederazione Alain Berset è stato travolto dall'ennesimo scandalo ed è di nuovo sotto il fuoco delle critiche.

Ma se in passato i membri del PS, compresi i vertici del partito, sono stati rapidi e agguerriti nel difendere il loro Consigliere federale in casi simili, dopo gli ultimi sviluppi sono rimasti in silenzio, fa notare il portale “20 minuten”. Né il presidente del co-partito Cédric Wermuth né il capogruppo parlamentare Roger Nordmann hanno risposto quando gli è stato chiesto di commentare il caso. Anche diversi altri parlamentari del PS tacciono quando vengono interpellati e non si sente nulla da loro sui canali dei social media.

Per il comunicatore di crisi Beat Krättli, interpellato da “20 minuten”, il motivo di tale silenzio è chiaro: "I vertici del PS sono imbarazzato nel commentare l'ennesimo scandalo Berset. In singoli casi, si potrebbe comunque commentare e minimizzare. Ma questo caso è uno di troppo e ha una nuova dimensione: si tratta di una violazione del segreto d'ufficio. O Berset non ha il controllo della sua attività e non sapeva cosa stesse facendo il suo responsabile delle comunicazioni, oppure lo sapeva e ora sta mentendo. Né l'uno né l'altro possono essere ignorati. Anche la leadership del PS lo sa".



Per Krättli, questa strategia di comunicazione è "una danza sulle uova, ma al momento è l'unica che hanno". Che Berset lo sapesse o meno è irrilevante. "In ogni caso, la sua credibilità ha risentito di tutti gli incidenti". Ha detto che il problema fondamentale della politica è che le persone sono pronte a creare ostilità, mentre sono cieche da un occhio quando si tratta del loro stesso partito. Sul piano interno, tuttavia, Berset dovrà certamente rispondere alle domande della leadership del PS, secondo Krättli.

Il politologo Michael Hermann ritiene che Berset abbia perso il suo status di star. "Non ha più l'immagine di uomo forte e popolare che aveva durante la pandemia". Inoltre, le elezioni del Consiglio federale hanno segnato un nuovo corso: ora c'è un numero eccessivo di romandi in Consiglio federale. E Berset è stato eletto al Consiglio federale con un pessimo risultato.

Inoltre, l'ultimo scandalo non era di natura privata come i precedenti. Il riferimento alla privacy ha facilitato la difesa del partito. Ora il caso è di interesse pubblico. L'euforia per la difesa di Berset è probabilmente scemata nel PS, dice Hermann. "Doversi difendere costa sempre risorse", afferma.

Guarda anche 

La politica di asilo di Beat Jens fa litigare il partito socialista

Il consigliere federale Beat Jans, entrato in carica lo scorso dicembre, si è finora contraddistinto per aver introdotto alcune restrizioni nella politica d'as...
06.04.2024
Svizzera

Berset fa nominare un suo collaboratore a capo di Pro Helvetia

Quando mancano poche settimane alla sua partenza, Alain Berset è nuovamente al centro di una controversia. Ha infatti fatto nominare un suo stretto collaboratore, ...
04.12.2023
Svizzera

Gli ebrei svizzeri criticano Alain Berset

"L'organizzazione mantello degli ebrei è delusa dal presidente della Confederazione", scrive Ralph Lewin, presidente della Federazione svizzera delle...
27.11.2023
Svizzera

Il PS sceglie il ticket Jans-Pult per succedere a Alain Berset

Il Partito socialista ha scelto questo pomeriggio i due candidati da proporre per succedere a Alain Berset nel Consiglio federale. Sei candidati si erano annunciati e son...
25.11.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto