Mondo, 11 dicembre 2022

Sacchi di banconote al domicilio della vice-presidente del Parlamento UE, “non è un caso isolato”

"Non si tratta di un incidente isolato", ha commentato l'ONG Transparency International in seguito all'operazione anticorruzione della polizia belga al Parlamento europeo, legata al Qatar (vedi articoli correlati). "Per diversi decenni, il Parlamento ha permesso che si sviluppasse una cultura dell'impunità (...) e una totale assenza di controllo etico indipendente". Questo controllo all'interno dell'istituzione è "difettoso", ha aggiunto su Twitter Alberto Alemanno, professore di diritto al Collegio d'Europa di Bruges.

Cinque persone sono state arrestate venerdì a Bruxelles dopo almeno 16 perquisizioni nell'ambito di un'indagine su sospetti di pagamenti di denaro "sostanziosi" da parte di un Paese del Golfo per influenzare le decisioni degli eurodeputati. La Procura federale non ha fatto il nome del Paese, ma una fonte giudiziaria vicina al caso ha confermato all'AFP che si tratta del Qatar, come rivelato dalle testate belghe "Le Soir" e "Knack".

Il caso ha assunto una dimensione ulteriore quando è stata confermata l'identità della quinta persona arrestata venerdì sera, l'eurodeputata greca Eva Kaili. Kaili è un'ex presentatrice televisiva
di 44 anni che è diventata una figura della socialdemocrazia nel suo Paese. È anche vicepresidente del Parlamento europeo insieme ad altri 13 eurodeputati.

Eva Kaili è stata immediatamente espulsa dal Partito socialista greco (Pasok-Kinal), che vorrebbe anche vederla rinunciare al suo seggio al Parlamento europeo. Il gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D) al Parlamento europeo ha annunciato la sua sospensione "con effetto immediato". Sabato sono proseguite le audizioni di cinque sospetti a Bruxelles, secondo quanto riferito da un portavoce della Procura federale.

La decisione sulla custodia cautelare deve essere presa entro 48 ore dall'arresto, o al più tardi entro domenica sera nel caso di Eva Kaili. L'indagine del giudice belga Michel Claise ha come obiettivo la "corruzione" e il "riciclaggio di denaro" in una banda organizzata, secondo il pubblico ministero.
Sabato il quotidiano belga "L'Echo" ha riferito che "diverse borse piene di contanti" sono state trovate nell'abitazione di Eva Kaili a Bruxelles, che la polizia ha deciso di perquisire dopo aver sorpreso il padre del politico in possesso di un'ingente somma di denaro contante in "una valigia".

Guarda anche 

"Delinquenza Giovanile a Lugano: Un Appello per un Cambiamento Integrato"

Nel cuore di Lugano, la delinquenza giovanile emerge come una sfida cruciale che richiede un approccio integrato e la partecipazione attiva di tutta la comunità. A...
24.02.2024
Opinioni

"Cosa fa il Municipio contro il littering stradale?"

A Bellinzona vi sono zone con problemi di littering per il consigliere comunale Manuel Donati (Lega), che ha deciso di segnalare al Municipio, tramite interpellanza, di &...
21.02.2024
Ticino

Il sequestratore di Yverdon aveva molestato una collaboratrice di un centro d'accoglienza

A più di due settimane dalla presa d'ostaggi di tredici passeggeri di un treno a Yverdon (VD), continuano ad emergere dettagli sul sequestratore, Qader B.. Mar...
21.02.2024
Svizzera

Ginevra, appuntamento con la storia

GINEVRA – I bagordi, la gioia e i festeggiamenti per il titolo svizzero conquistato la scorsa primavera sembrano lontani, sembrano un po’ offuscati, visto qua...
20.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto