Sport, 28 novembre 2022

Fra il serio e il faceto, i voti ai protagonisti della settimana mondiale

LUGANO - FIFA: penosa conferenza stampa di inaugurazione di capataz Gianni Infantino (detto Al Infanthin), ahinoi candidato unico alla riconferma, e penose anche le minacce per quei capitani che avrebbero osato portare la fascia a sostegno della comunità LGBT. Da stigmatizzare, poi, gli interventi in favore di “un calcio che deve pensare solo a giocare e non a tutto il resto”. Voto 2.


TV RAI: 
a parte l’inguardabile direttrice di RAI Sport Alessandra De Stefano, che presenta con la voce rauca (lei che apparirebbe anche in stampelle), la TV di stato italiana si affida ai commenti del saccente Lele Adani. Il difensore dei tempi andati adesso insegna anche ai calciatori come si tira un corner. Catedrattico e irritante. Voto 3 



RECUPERI: i recuperi extra-large stanno facendo discutere ed hanno sorpreso un po' tutti. Praticamente si gioca quasi un terzo tempo. Una rivoluzione che resisterà? Cosa c’è sotto a questa ennesima... infantinata? Voto: 2


CASOLINI:
 numero 1, mondiale! Il bravo Nicolò riesce da solo a tenere in piedi la tramissione che va in onda in seconda serata sulla RSI. Il giornalista intrattenitore s’infila in una discoteca improbabile di Doha e prende in mano la situazione, trasformandosi in disc jockey. Impagabile! Voto: 6


GOMMA: mentre i suoi compagni cantano a squarciagola l’inno nazionale brasiliano, il fenomeno Neymar è ripreso in diretta TV mentre mastica una gomma. Inelegante e poco patriottico. Cosa avrà pensato il suo amico Jair Bolsonaro, ormai ex presidente trombato? Voto 3


POPOLO:
 la smettesserio i vari inviati telecronisti con la fastidiosa retorica nazionalista. Non se ne può più di ascolatare frasi del tipo “ il tal giocatore si carica sulle spalle tutto un popolo per vincere la sfida”. Non si deve vincere una guerra ma una semplice partita di calcio. Voto 3

SAURO REBATTONI
 

Guarda anche 

GALLERY – “Ti invidiamo….”

TORINO (Italia) – Lei incanta sui social con la sua bellezza e sensualità, lui sui campi di Serie A – dopo un esordio da urlo da 17enne, fatica a trova...
25.02.2024
Sport

Calcio in lutto: è morto Andreas Brehme

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Una triste notizia è giunta questa mattina dalla Germania: il calcio piange la morte di Andreas Brehme, che si è spento...
20.02.2024
Sport

FC Paradiso, il sogno continua

PARADISO - Antonio Caggiano è un presidente felice. Il suo Paradiso, club che dirige con successo da 22 anni, è pronto a presentare la licenza per...
22.02.2024
Sport

Un rosso di troppo e il Lugano si lecca le ferite

GINEVRA – Si sperava, in casa Lugano, che l’effetto Europa si facesse sentire sul Servette, reduce dalla sfida di giovedì sera contro il Ludogorets nei...
19.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto