Svizzera, 25 novembre 2022

Carcere e espulsione per tre ladri di orologi

Tre uomini, due cittadini algerini e un cittadino libico, sono stati riconosciuti colpevoli di furto a Ginevra. La corte non ha avuto dubbi sul fatto che i tre operassero come una banda e che avessero distribuito i ruoli per commettere i loro misfatti.

Come riporta "20 minutes", una delle loro vittime è stato derubato di un orologio Franck Muller del valore di 7000 franchi a metà pomeriggio. Ha cercato di difendersi ed è stato colpito, prima di cadere a terra. Gli accusati sono stati seguiti per due ore dalla polizia e sono stati arrestati subito dopo. Nel loro verdetto, i giudici hanno notato che il giorno dell'incidente il trio si era organizzato come segue: uno era incaricato di fare il palo, mentre un altro distraeva la vittima e il terzo cercava di derubarla. Gli imputati hanno quindi agito come una banda, ha concluso il tribunale.

A causa della violenza inflitta al denunciante, come dimostra il cinturino danneggiato, gli ultimi due erano colpevoli di rapina. L'uomo che faceva il palo, invece, era colpevole solo di furto, poiché non c'erano prove che si fosse unito alla violenza dei suoi compagni.



Prima dello scippo dell'orologio, i tre uomini, che erano accompagnati da un quarto minorenne, sono stati osservati da degli agenti di polizia interessarsi a un cliente seduto sulla terrazza di un bistrot sul Quai des Bergues, secondo lo stesso "modus operandi". Per i giudici, in questo casogli imputati erano colpevoli di tentato furto. 

Uno degli imputati è stato riconosciuto colpevole anche di rapina per aver preso parte a un'altra violenta sottrazione di un orologio, commessa nel giugno 2021 sul Boulevard Helvétique. Il proprietario di un Patek Philippe, del valore di 18.000 franchi, era stato scaraventato a terra e la sua testa ha sbattuto contro il pavimento, riportando una ferita di 2 cm sul cuoio capelluto. Sua moglie era stata violentemente spintonata. "L'esito avrebbe potuto essere molto più drammatico", ha dichiarato il presidente del tribunale.

I tre uomini sono stati quindi condannati a 36, 27 e 9 mesi di carcere (al netto dei 258 giorni di detenzione già scontati) e all'espulsione dalla Svizzera per 5 anni. Due di loro sono stati anche condannati al pagamento di una multa per resistenza all'arresto e la loro espulsione sarà trasmessa al Sistema d'informazione Schengen.

Guarda anche 

Condannata perchè non smetteva di inviare foto di lei nuda

Una cittadina greca residente nel canton Friborgo è stata condannata perchè continuava a inviare foto intime a un uomo di cui era ossessionato. La donna,...
03.12.2022
Svizzera

La SSR condannata per aver censurato dei commenti anti-Covid

Il Tribunale federale (TF) ha dato ragione a un'internauta svittese che ha deciso di lottare fino in fondo dopo che un suo commento sull'account Instagram dell...
30.11.2022
Svizzera

Somministra del sonnifero alla collega e poi abusa di lei, condannato

Il Tribunale federale ha confermato la condanna a tre anni e mezzo di carcere per coercizione sessuale nei confronti di un uomo tedesco di 47 anni. Insieme alla sua compa...
24.11.2022
Svizzera

Una studentessa condannata per aver comandato un puntatore laser su Internet

Una studentessa di Friburgo voleva acquistare un puntatore laser per fare aiutarla durante le presentazioni. Trovandoli troppo costosi nei negozi, ne ha ordinato uno s...
23.11.2022
Svizzera