Svizzera, 18 novembre 2022

Dà fuoco a un hotel “per frustrazione”, condannato a 5 anni di carcere

L'incendio dell'Hotel de la Croix-Blanche a Payerne nel febbraio 2020 avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia. L'incendio è stato causato da un uomo italiano di 53 anni che è comparso in tribunale a Yverdon-les-Bains questa settimana.

Secondo quanto riporta "La Liberté", il tribunale penale del distretto della Broye e del Vaud settentrionale era "assolutamente convinto" che l'imputato avesse deliberatamente appiccato il fuoco nella sua stanza d'albergo. "Ha attentato alla sicurezza altrui e ha distrutto un edificio storico in un futile atto di pura frustrazione", ha dichiarato il presidente durante l'udienza, riportata dal quotidiano friburghese.



L'uomo, che ha tentato il suicidio quattro giorni dopo l'incendio, soffre di problemi psicologici. Durante il processo ha assicurato di non ricordare nulla di quella sera. Una "amnesia a geometria variabile" che non ha convinto la Corte. L'uomo è stato quindi riconosciuto colpevole di incendio doloso qualificato ed è stato condannato a cinque anni di carcere. È stato immediatamente preso in custodia per evitare il rischio di fuga.

Guarda anche 

Un biker amico di calciatori della nazionale condannato a 13 anni di carcere e espulsione

Un cittadino turco di 36 anni è stato appena dichiarato colpevole, tra le altre cose, di aver costretto un'adolescente a avere relazioni sessuali con lui e di ...
02.06.2024
Svizzera

Condannata per aver comprato un puntatore laser per giocare con il gatto

I puntatori laser sono un gadget popolare per far divertire facilmente il proprio gatto. Ma in Svizzera l'acquisto di tali oggetti può esporvi a sanzioni. Lo h...
14.05.2024
Svizzera

Condannata perchè è caduta pedalando in bicicletta

Mentre andava in bicicletta con la figlia, una donna friburghese di 45 anni è caduta pesantemente. Ferita, soprattutto al volto, ha dovuto essere trasferita in osp...
16.04.2024
Svizzera

La Corte europea per i diritti dell'uomo condanna la Svizzera per "inazione climatica"

Martedì la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato per la prima volta uno Stato, la Svizzera, per violazione della Convenzione sui diritti del...
09.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto