Svizzera, 18 novembre 2022

Dà fuoco a un hotel “per frustrazione”, condannato a 5 anni di carcere

L'incendio dell'Hotel de la Croix-Blanche a Payerne nel febbraio 2020 avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia. L'incendio è stato causato da un uomo italiano di 53 anni che è comparso in tribunale a Yverdon-les-Bains questa settimana.

Secondo quanto riporta "La Liberté", il tribunale penale del distretto della Broye e del Vaud settentrionale era "assolutamente convinto" che l'imputato avesse deliberatamente appiccato il fuoco nella sua stanza d'albergo. "Ha attentato alla sicurezza altrui e ha distrutto un edificio storico in un futile atto di pura frustrazione", ha dichiarato il presidente durante l'udienza, riportata dal quotidiano friburghese.



L'uomo, che ha tentato il suicidio quattro giorni dopo l'incendio, soffre di problemi psicologici. Durante il processo ha assicurato di non ricordare nulla di quella sera. Una "amnesia a geometria variabile" che non ha convinto la Corte. L'uomo è stato quindi riconosciuto colpevole di incendio doloso qualificato ed è stato condannato a cinque anni di carcere. È stato immediatamente preso in custodia per evitare il rischio di fuga.

Guarda anche 

Carcere e espulsione per tre ladri di orologi

Tre uomini, due cittadini algerini e un cittadino libico, sono stati riconosciuti colpevoli di furto a Ginevra. La corte non ha avuto dubbi sul fatto che i tre operass...
25.11.2022
Svizzera

Somministra del sonnifero alla collega e poi abusa di lei, condannato

Il Tribunale federale ha confermato la condanna a tre anni e mezzo di carcere per coercizione sessuale nei confronti di un uomo tedesco di 47 anni. Insieme alla sua compa...
24.11.2022
Svizzera

Una studentessa condannata per aver comandato un puntatore laser su Internet

Una studentessa di Friburgo voleva acquistare un puntatore laser per fare aiutarla durante le presentazioni. Trovandoli troppo costosi nei negozi, ne ha ordinato uno s...
23.11.2022
Svizzera

La CEDU condanna la Svizzera per non aver riconosciuto la paternità di due uomini gay

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito che la Svizzera ha violato il diritto alla privacy di un bambino rifiutandosi di riconoscere la paternit&ag...
23.11.2022
Svizzera