Ticino, 17 novembre 2022

Truffa del falso nipote a Lugano, beccata una 46enne polacca

Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia città di Lugano comunicano che il 16.11.2022 a Lugano è stata arrestata una 46enne cittadina polacca residente in Polonia. È sospettata di aver preso parte a una truffa del "falso nipote" a danno di un'anziana della regione, con una complice che al telefono si è spacciata per la nipote che necessitava di un farmaco costoso da iniettare per guarire da una grave forma di COVID. 


L'arresto è stato reso possibile grazie all'intensa attività investigativa e operativa messa in atto dalla Polizia cantonale in collaborazione con la Polizia città di Lugano. Fondamentale è stata in prima istanza la segnalazione di un familiare in relazione alla congiunta truffata, che ha permesso di raccogliere i primi elementi per risalire alla donna.

Successivamente è stato possibile intercettarla celermente, dopo una trentina di minuti dall'aver preso in consegna la refurtiva, presso la stazione ferroviaria di Lugano, permet tendo ad agenti della Polizia cantonale di fermarla. Inoltre, è stata recuperata la refurtiva (gioielli e denaro per un valore di alcune decine di migliaia di franchi). L'ipotesi di reato nei suoi confronti è di truffa. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Zaccaria Akbas.

Guarda anche 

Il Consigliere di Stato Norman Gobbi incontra i Municipi di Savosa e Canobbio

Proseguono le visite del Direttore del Dipartimento delle istituzioni (DI) Norman Gobbi nei Comuni ticinesi. La conoscenza reciproca, il dialogo e la salute della demo...
29.11.2022
Ticino

Casinò Lugano SA, un valore per la sua città: molto più di 20 anni di gioco tra intrattenimento, accoglienza, ristorazione e crescita continua.

Una delle tante particolarità che rendono unica Lugano, oltre alle sue bellezze architettoniche e alla inimitabile atmosfera del lungo lago, è la presenz...
29.11.2022
Ticino

Richiedente l'asilo condannato a 3 anni di carcere per un'aggressione, ma non sarà espulso

Un richiedente l'asilo siriano di 19 anni è stato condannato a 3 anni di carcere, di cui uno da scontare, per essersi reso colpevole di aggressione, tentate...
27.11.2022
Ticino

Valle di Blenio, semaforo verde dall'UFAM per l'abbattimento di un giovane lupo

L’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) ha approvato la domanda di regolazione del branco della Valle di Blenio presentata dal Canton Ticino. Il Cantone pu...
25.11.2022
Ticino