Mondo, 11 novembre 2022

Braccio di ferro tra Francia e Italia sui migranti

La Francia ha accettato, “a titolo eccezionale”, lo sbarco dei migranti a bordo della nave Ocean Viking, che da due settimane aspetta al largo dell'Italia un porto in cui approdare. "Ho precisato, su richiesta del Presidente della Repubblica, che è in via eccezionale che accogliamo questa nave, visti i quindici giorni di attesa in mare a cui le autorità italiane hanno sottoposto i passeggeri", ha dichiarato il ministro dell'Interno Gérald Darmanin, indicando il porto militare di Tolone per lo sbarco.

Darmanin ha inoltre criticato la "scelta incomprensibile" e contraria al "diritto internazionale" dell'Italia, guidata da un nuovo governo di estrema destra che ha rifiutato di aprire i suoi porti. "Un terzo" dei migranti a bordo sarà "ricollocato" in Francia e un altro terzo in Germania, ha proseguito Gérald Darmanin, aggiungendo che coloro che non soddisfano i criteri per il diritto di soggiorno o di asilo "saranno deportati direttamente", senza ulteriori dettagli.

Se la decisione di accogliere per la prima volta una nave con a bordo migranti illegali in Francia è stata un "dovere di umanità", secondo Gérald Darmanin, egli ha espresso soprattutto la rabbia di Parigi: "D'ora in poi, dobbiamo essere in grado di organizzare le cose in modo diverso, in modo che l'Italia non possa beneficiare della solidarietà europea e allo stesso tempo essere egoista quando i rifugiati, in particolare i bambini, arrivano nei suoi porti.



In segno di protesta, la Francia ha quindi deciso di sospendere "con effetto immediato" l'accoglienza prevista di 3'500 migranti attualmente in Italia e ha promesso di trarre "le conseguenze" dell'atteggiamento italiano su altri aspetti delle sue "relazioni bilaterali", ha insistito il ministro.

Le autorità italiane avevano inizialmente accettato lo sbarco solo di donne, bambini e malati, un processo di selezione descritto da Roma come un modo per fare pressione sull'UE affinché fornisse maggiori aiuti all'Italia.

Da giugno, un accordo di ricollocazione prevedeva che una dozzina di Stati membri, tra cui Francia e Germania, avrebbero dovuto accogliere volontariamente 8'000 migranti arrivati in Paesi come l'Italia, vicino alle coste libiche.

Tuttavia, solo 164 sono stati trasferiti nel 2022 dall'Italia ad altri Stati membri, di cui appena 117 nell'ambito del meccanismo adottato a giugno. Un numero insufficiente, secondo l'Italia, dal momento che sulle sue coste sono sbarcate circa 88'100 persone.

Guarda anche 

Covid, anche l’Italia mette fine all’app di tracciamento

ROMA (Italia) – La pandemia covid sembrerebbe aver rallentato il suo corso, la situazione sembrerebbe essere tornata sotto controllo, fatta eccezione per la Cina do...
30.12.2022
Magazine

L'Italia sospende il trasferimento di richiedenti l'asilo dalla Svizzera

L'Italia ha sospeso il trasferimento dei richiedenti l'asilo dalla Svizzera. Come riferisce la NZZ am Sonntag, il 5 dicembre Roma ha informato gli Stati di Dublin...
26.12.2022
Svizzera

Una manifestazione per i curdi uccisi a Parigi degenera in violenti scontri

Sono scoppiati scontri tra manifestanti e polizia ai margini di una manifestazione che sabato ha riunito diverse migliaia di persone a Parigi per rendere omaggio ai tr...
24.12.2022
Mondo

Sparatoria a Parigi causa tre morti e tre feriti

Venerdì, poco prima di mezzogiorno, un uomo ha aperto il fuoco presso un centro culturale curdo a Parigi causando due morti e almeno quattro feriti, secondo quanto...
23.12.2022
Mondo