Ticino, 25 ottobre 2022

Video pedopornografici in una scuola media, “cosa intende fare il DECS?”

Un video con contenuti pedopornografici che circola in una chat di allievi di una scuola media è all'origine di un'interrogazione del granconsigliere Massimiliano Robbiani all'indirizzo del Consiglio di Stato. Secondo quanto si legge nell'interrogazione di Robbiani, i fatti sarebbero diventati di pubblico dominio dopo che alcuni genitori hanno ricevuto una lettera dalla direzione di una scuola media ticinese.

“La direzione della scuola media è venuta a conoscenza del fatto che nella chat WhatsApp di almeno due classi della nostra scuola sono stati postati dei video a carattere pedopornografico” si legge nella lettera ricevuta la settimana scorsa dai genitori degli allievi di un istituto scolastico ticinese. La direzione, stando allo scritto, ne è venuta a conoscenza lo scorso 19 ottobre e il giorno dopo ha scritto alle famiglie degli studenti. “Temiamo, purtroppo, che anche nelle chat delle altre classi questi video siano stati condivisi. Non sappiamo chi dei vostri figli abbia visionato questo materiale, ma ad ogni modo vi invitiamo a parlarne con vostro/a figlio/a per valutare se e come il suo benessere emotivo sia stato turbato da questi video”.



Nella lettera inviata dall'istituto scolastico alle famiglie l'istituto interessato dal caso afferma di star pensando di "organizzare degli interventi mirati con le classi per affrontare questa emergenza" oltre alle abituali attività di prevenzione.

Quanto accaduto ha portato il deputato leghista Massimiliano Robbiani ad interrogare il Consiglio di Stato. Tre le domande poste al governo: “Fatti simili all’interno delle nostre infrastrutture scolastiche è cosa rara, o avviene frequentemente? Se sì, a parte ad avvisare i genitori delle allieve e degli allievi, come si sta muovendo il DECS per contrastare questo fenomeno? Il DECS ha i mezzi adatti per farlo? Se si, quali?”

Guarda anche 

Il Consiglio federale condivide la “desertificazione postale”?

L'annuncio, da parte della Posta, della chiusura di 170 filiali ha spinto il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri a inoltrare un'interrogazione al Consiglio feder...
30.05.2024
Svizzera

“Si anticipi la costruzione del nuovo asilo di Lugano”

La realizzazione di un nuovo asilo nido a Lugano deve avvenire al più presto. Ne sono convinti un gruppo di consiglieri comunali della Lega dei Ticinesi (Andrea Sa...
14.05.2024
Ticino

“L'Associazione ErreDiPi ha sede al liceo di Bellinzona?”

L'Associazione ErreDiPi, che ha come obiettivo di difendere gli interessi degli assoggettati all'Istituto di Previdenza del Canton Ticino e che negli ultimi mesi ...
22.04.2024
Ticino

Un SI convinto alla 13esima AVS!

I nostri anziani meritano una vecchiaia in cui non devono faticare per tirare la fine del mese e in cui, anzi, possono concedersi una vita dignitosa. Non devono essere in...
16.02.2024
Opinioni

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto