Sport, 03 ottobre 2022

Scontri dopo una partita: 182 morti tra la calca

È avvenuto in Indonesia dove i tifosi dell’Arema FC, inferociti per la sconfitta contro i rivali storici del Persebaya Surabaya, hanno invaso il campo

MALANG (Indonesia) – Follia generale in uno stadio di calcio. Una follia totale che ha portato a 182 morti accertate. Il tutto al termine di una partita di calcio in Indonesia che è scaturita in alcuni disordini che si sono verificati quando i tifosi hanno invaso il campo da gioco a Malang. “Negli scontri sono morte 182 persone, tra cui due agenti – ha spiegato il capo della polizia – Trentaquattro sono decedute all’interno dello stadio, le altre in ospedale”. Molte sono morte calpestate dalla calca.
 
 
La follia generale è scattata al termine della partita quando migliaia di tifosi dell’Arema FC sono entrati sul campo di gioco dello stadio Kanujruhan perché arrabbiati e inferociti per la sconfitta rimediata contro i rivali storici del Persebaya Surubaya, squadra con cui non perdevano da più di 20 anni. Sono così intervenuti gli agenti di polizia che hanno provato a calmare tutti, evidentemente senza riuscirci. 

 
 
Quando sono stati lanciati i gas lacrimogeni si è scatenato l’inferno, seguito dal panico e dal fuggi fuggi generale. Tra le vittime ci sarebbe anche un bambino di 5 anni. Le immagini all’interno dello stadio mostrano la polizia lanciare diversi lacrimogeni e i tifosi scavalcare le recinzioni per mettersi in salvo.
 
 
Lo stadio, che era sold out, può ospitare 42'000 persone: in 3'000, stando alla polizia, hanno fatto invasione, molte auto, e un camion della polizia, sono state incendiate all’esterno dell’impianto. Sarebbero 13 i veicoli della polizia danneggiati.
 
 
Nel frattempo il governo si è scusato per l’accaduto e ora indagherà sulla vicenda.

Guarda anche 

Bello, ricco e anche famoso. All’occorrenza stupratore

LUGANO - Il recente caso del calciatore Dani Alves ha scosso nuovamente le coscienze: il brasiliano - famoso, ricco, un tempo pieno di talento calcistico - è ...
02.02.2023
Sport

Dani Alves in carcere se la gioca a calcio: “Niente mi spaventa”

BARCELLONA (Spagna) – È tornato a parlare Dani Alves, dal carcere spagnolo dove è detenuto con l’accusa di violenza sessuale ai danni di una rag...
31.01.2023
Sport

Il ventennio maledetto del calcio ticinese

CHIASSO - 2003 - Lugano. Helios Jermini. Con la morte-suicidio del presidente Helios Jermini, avvenuta in una fredda mattina nei pressi di Brusino ad inizio mar...
31.01.2023
Sport

“Mister Stefano Maccoppi non è minestra riscaldata”

BELLINZONA - Paolo Gaggi è il direttore sportivo del Bellinzona da ormai 10 anni, da quando i granata - reduci dal fallimento - ripartirono dalla Seconda...
30.01.2023
Sport