Svizzera, 05 settembre 2022

Costi dell'energia troppo alti, un'acciaieria ricorre al lavoro ridotto: "Centinaia di posti di lavoro a rischio"

Di fronte all'aumento dei prezzi dell'elettricità e del gas, la Stahl Gerlafingen - un'azienda siderurgica con sede nel cantone di Soletta - ha calcolato che il prossimo ottobre dovrà pagare quasi 45 milioni di franchi per l'energia. Si tratta di un importo superiore a quello che l'azienda paga normalmente in un anno intero.

Il motivo per cui questi costi sono così elevati è che la produzione di acciaio richiede un enorme consumo di energia, spiega la NZZ am Sonntag. Ogni giorno Stahl Gerlafingen produce 2'600 tonnellate di acciaio che richiedono circa 360 gigawattora di elettricità e 450 gigawattora di gas all'anno.

"Gli alti prezzi dell'energia minacciano la nostra esistenza", ammette Alain Creteur, CEO di Stahl Gerlafingen, al domenicale svizzerotedesco. Pur riconoscendo che l'azienda siderurgica potrebbe trasferire i costi sul consumatore, egli ritiene che questi ultimi non sarebbero più concorrenziali.
Il rischio, secondo Creteur, è che le imprese di costruzione inizino a importare acciaio più economico dall'estero.

Creteur prevede che l'acciaieria dovrà ridurre la produzione nei prossimi mesi e spiega che l'azienda ha già annunciato in anticipo alle autorità solettesi che dovrà ricorrere al lavoro ridotto tra ottobre e dicembre. "È possibile che nessuno venga licenziato. Ma è anche possibile che dovremo mandare a casa alcuni o tutti i 560 dipendenti", spiega il CEO.

Stahl Gerlafingen è una delle prime aziende in Svizzera a richiedere il lavoro a tempo ridotto a causa degli elevati costi energetici. Hans-Ulrich Bigler, direttore dell'Associazione svizzera dell'artigianato, ritiene che presto altri seguiranno: "Molte aziende ci dicono che presto non saranno in grado di pagare le loro elevate bollette energetiche. Per loro, il lavoro a tempo ridotto è chiaramente all'ordine del giorno", afferma.

Guarda anche 

Negozi spenti e temperature massime per le lavatrici, il CF presenta le restrizioni in caso di penuria di energia

Il rischio di una carenza di energia questo inverno hanno spinto il Consiglio fedearle a elaborare un piano in più fasi per far fronte alle possibili conseguenz...
24.11.2022
Svizzera

Nonostante gli appelli, il consumo di energia rimane stabile

Un mese fa, la Confederazione aveva annunciato di voler investire dieci milioni di franchi nella campagna di risparmio "L'energia è poca, non sprechiam...
02.10.2022
Svizzera

Pannelli solari presto obbligatori su ogni edificio?

Secondo uno studio dell'Ufficio federale dell'energia, se si installassero pannelli solari sui tetti e sulle facciate di tutti gli edifici della Svizzera, si p...
20.09.2022
Svizzera

"Dobbiamo prepararci a possibili tagli di corrente"

L'ex direttrice del gruppo BKW, uno dei maggiori fornitori di elettricità della Svizzera, lancia l'allarme. Suzanne Thoma si aspetta il peggio in termin...
27.08.2022
Svizzera