Ticino, 31 agosto 2022

La Lega lancia un'iniziativa per dedurre i premi di cassa malati dalle imposte

I premi di cassa malati devono poter essere integralmente deducibili dalle imposte. È quanto chiede un'iniziativa presentata oggi dalla Lega dei Ticinesi a Lugano che si potrà sottoscrivere a partire da domani 1° settembre. Secondo i promotori "da troppo tempo i premi di cassa malati in continua crescita rappresentano uno dei principali crucci dei ticinesi" e la situazione non farà che peggiorare dato che per il 2023 sono previsti aumenti medi del 10%. "Un ennesimo, ingiusto salasso, dunque. Che quest’anno va ad aggiungersi, aggravandola in modo insostenibile, alla tristemente nota esplosione del costo della vita, trascinata dalla spesa per l’energia ed il carburante" scrivono gli iniziativisti in un comunicato.



Una misura anti-inflazione, quindi, giustificata "a maggior ragione se si ricorda che i beneficiari del sussidio cantonale, che possono anche loro dedurre i premi pagati così come altre spese per assicurazioni se confrontati con un aumento di premio possono contare su un adeguamento del sussidio" mentre l'importo fiscalmente deducibile non è stai stato adeguato. "Approvando questa iniziativa, sarà dunque possibile sostenere in modo concreto il potere d’acquisto dei cittadini ticinesi. Ed in particolare quello di un ceto medio sempre più depauperato da stipendi spinti al ribasso (a causa della libera circolazione delle persone) accoppiati ad un costo della vita in crescita incontrollata".


Di seguito il comunicato integrale della Lega dei Ticinesi:


Comunicato Stampa

Premi di cassa malati: la Lega dei Ticinesi schierata dalla parte della gente.
Al via l’iniziativa popolare “Basta spennare il cittadino, cassa malati deducibile integralmente!”

Da troppo tempo i premi di cassa malati in continua crescita rappresentano uno dei principali crucci dei ticinesi. A maggior ragione se si pensa che in questo Cantone gli stipendi sono i più bassi della Svizzera (a causa della libera circolazione delle persone voluta dalla partitocrazia), mentre i premi di cassa malati sono tra i più elevati.

In Svizzera nel 2022 il premio medio mensile per gli adulti è infatti di 373.80 franchi. In Ticino, invece, esso ammonta a ben 424 franchi. Nel nostro Cantone una persona sola spenderà quest’anno in media 5'088 franchi. In Svizzera 4'485.60 franchi.

Una coppia sposata ticinese deve invece sostenere una spesa di 10'176 franchi, contro una media nazionale di 8'971.20 franchi.

Nel mentre che i cittadini vengono spennati con premi sempre più cari, le riserve degli assicuratori malattia esplodono. Esse ammontano ormai ad oltre 12 miliardi di franchi. La politica federale non è ancora riuscita – per mancanza di volontà – ad imporre la restituzione delle riserve in esubero.

La stessa politica federale (a partire dal Dipartimento dell’Interno, a guida PS) neppure riesce a tenere in qualche modo sotto controllo i continui aumenti dei premi, fallendo quindi in uno dei propri compiti più importanti: quello di restituire alla cassa malati quella sopportabilità finanziaria che dovrebbe essere caratteristica di un’assicurazione sociale obbligatoria.

Nel 2023 la situazione si prospetta particolarmente drammatica. Sono infatti già stati annunciati aumenti di premio che, per il Ticino, potrebbero raggiungere il 10%. Da notare che questo sarebbe l’aumento medio: ciò significa che numerosi assicurati si troverebbero confrontati con un rincaro ancora più elevato.

Un ennesimo, ingiusto salasso, dunque. Che quest’anno va ad aggiungersi, aggravandola in modo insostenibile, alla tristemente nota esplosione del costo della vita, trascinata dalla spesa per l’energia ed il carburante. A tal proposito, si ricorda che a Berna la partitocrazia ha rifiutato di concedere gli sconti sulla benzina insistentemente chiesti anche dalla Lega.

La fallace dichiarazione, purtroppo reiterata, secondo cui i “ricchi svizzeri” si potrebbero permettere ogni genere di rincaro è scandalosa. Non risponde in alcun modo alla situazione di troppi ticinesi che non sanno più da che parte voltarsi per far quadrare i conti.La cassa malati è un ambito di competenza federale. La Lega si è tuttavia a più riprese attivata per trovare delle soluzioni a livello cantonale. Vale la pena ricordare che nel 2003 la partitocrazia in Gran Consiglio impedì ai cittadini ticinesi di votare sull’iniziativa popolare leghista per la creazione di una cassa malati pubblica cantonale con premi accessibili. Quell’iniziativa, oltre ad aiutare i cittadini ticinesi, avrebbe anche permesso di verificare concretamente i conti delle casse malati e quindi anche le pretese di aumento del premio mensile.

Davanti ad una situazione sempre più insostenibile, la Lega non può e non vuole stare a guardare. Intende pertanto sfruttare il margine di manovra a disposizione a livello cantonale.
La nuova iniziativa popolare «Basta spennare il cittadino, cassa malati deducibile integralmente!» (testo allegato) parte domani, giovedì 1° settembre. Il Comitato promotore l’ha presentata ufficialmente oggi ai media in una conferenza stampa tenutasi presso l’Hotel Lugano Dante.

L’iniziativa chiede una maggior deducibilità fiscale dei costi assicurativi e quindi pure una maggior deducibilità dei premi di cassa malati. Oggi i costi del premio di cassa malati spesso non sono integralmente deducibili: di conseguenza, molti cittadini si trovano a pagare imposte su dei soldi di cui non dispongono più. Questo non è accettabile. A maggior ragione se si ricorda che i beneficiari del sussidio cantonale, che possono anche loro dedurre i premi pagati così come altre spese per assicurazioni (p.e. polizza sulla vita, assicurazione infortunio, capitali a risparmio, ecc), se confrontati con un aumento di premio possono contare su un adeguamento del sussidio. L’importo fiscalmente deducibile non è invece mai stato adeguato e ciò nonostante l’aumento dei costi delle assicurazioni ed in particolare dei premi di cassa malati.

Per raggiungere l’obiettivo che si prefigge, l’iniziativa popolare della Lega chiede - tramite modifica della legge tributaria - l’aumento della deduzione per le persone sole (“altri contribuenti”) dagli attuali 5'200 franchi a 9'000 franchi e, per i coniugati, da 10'500 franchi a 18'000 franchi.
Approvando questa iniziativa, sarà dunque possibile sostenere in modo concreto il potere d’acquisto dei cittadini ticinesi. Ed in particolare quello di un ceto medio sempre più depauperato da stipendi spinti al ribasso (a causa della libera circolazione delle persone) accoppiati ad un costo della vita in crescita incontrollata.

L’iniziativa popolare «Basta spennare il cittadino, cassa malati deducibile integralmente!» si fa ancora più importante ed urgente in considerazione del fatto che - al contrario di quanto accade in altri Paesi - in Svizzera la politica non si degna di sostenere in alcun modo i cittadini colpiti dai rincari.

*****

Il periodo di raccolta firme si estende dal 1° settembre 2022 al 12 dicembre 2022.

Il Comitato d’iniziativa risulta così composto:

Andrea Censi, Lugano (primo firmatario)
Boris Bignasca, Lugano
Sabrina Aldi, Lugano
Patrizio Farei, Faido
Alessandro Mazzoleni, Minusio
Lorenzo Quadri, Lugano
Massimiliano Robbiani, Mendrisio
Stefano Tonini, Chiasso
Piergiuseppe Vescovi, Capriasca


Al Comitato di sostegno hanno aderito:
Eolo Alberti, Bioggio
Omar Balli, Terre di Pedemonte
Bruno Buzzini, Locarno
Daniele Caverzasio, Mendrisio
Sem Genini, Riviera
Alessandro Gnesa, Gordola
Michele Guerra, Pollegio
Lelia Guscio, Bellinzona
Mauro Minotti, Bellinzona
Maruska Ortelli, Lugano
Enea Petrini, Lugano
Giancarlo Seitz, Agno


Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

L'iniziativa per la salvaguardia della neutralità ufficialmente lanciata

L'iniziativa popolare che mira ad ancorare la neutralità svizzera nella costituzione è stata ufficialmente lanciata. L'associazione Pro Suisse ha...
09.11.2022
Svizzera

“Con il sì all'iniziativa risparmi fino a 350 franchi per veicolo”

Con un comunicato trasmesso ai media, la Lega dei Ticinesi esprime soddisfazione per l'approvazione dell'iniziativa del Centro per ridurre le imposte di circolazi...
30.10.2022
Ticino

"Perchè un asilante con problemi psichiatrici si trovava in giro da solo?"

L'atto di vandalismo avvenuto ieri in una chiesa di Lugano è all'origine di un'interrogazione della Lega di Lugano. L'uomo, stando alla ricostruzio...
28.10.2022
Ticino

“Ulteriori posti per asilanti in Ticino? Non se ne parla nemmeno”

In un comunicato stampa trasmesso ai media, la Lega dei Ticinesi si dice “sconcertata” nell'apprendere che il DSS sta cercando 100 ulteriori posti letto p...
27.10.2022
Ticino