Svizzera, 29 agosto 2022

Impiegati di UNIA protestano per le loro condizioni di lavoro, "siamo sotto dittatura padronale"

Sindacalisti contro sindacalisti. Il personale della sezione bernese di UNIA critica le condizioni di lavoro del più grande sindacato svizzero. In causa pressione, stress e uno stile di gestione qualificato come autoritario.

La scorsa settimana, il conflitto è culminato in una manifestazione organizzata dal personale. I dipendenti dell'unità Unia Berna-Oberaargau-Emmental hanno consegnato una lettera di protesta alla direzione.

Nella lettera, di cui la stampa svizzerotedesca ha ottenuto una copia, gli autori scrivono: "Da qualche tempo abbiamo notato che il comportamento della direzione nei nostri confronti non rispecchia le relazioni aperte e dignitose che esistevano nell'unità". Il documento fa riferimento in particolare ai trasferimenti forzati e ai presunti licenziamenti arbitrari.

I dipendenti descrivono il comportamento della direzione come "autoritario" e chiedono maggiore trasparenza e onestà, nonché il rispetto dei regolamenti del personale. Concludono chiedendo "un'autentica partecipazione dei lavoratori invece della dittatura padronale che vige attualmente".

Il Blick si è intrattenuto con alcuni dei dipendenti interessati. Una segretaria sindacale impiegata da molti anni ha una forte critica nei confronti dei suoi superiori: "Unia mi ha fatto ammalare. Dopo anni di straordinari e obiettivi irraggiungibili, ero sull'orlo del collasso. Ora sono in congedo per malattia".

Secondo lei, la pressione dei superiori è immensa. "La nostra volontà di impegnarci per il bene viene sfruttata senza pietà: ci sacrifichiamo, ma veniamo spremuti come limoni e poi buttati via". Le relazioni umane all'interno dell'azienda non sono affatto una preoccupazione per i dirigenti di Unia, secondo questa impiegata.



Vi è poi un ex impiegato che denuncia una pressione immensa. Finché la sua salute non ha subito un duro colpo. La colpa è della dirigenza: "I miei superiori hanno sempre preteso di più da me. A volte ho lavorato fino all'equivalente del 150%!" Le sue richieste di aiuto sarebbero state ignorate dai capi.

Il conflitto a Unia Bern sarebbe in corso da molto tempo. Il problema è esploso lo scorso maggio, quando i dirigenti hanno informato i dipendenti durante una riunione che la sezione della città di Berna si sarebbe fusa con un'altra sezione regionale, quella di Oberaargau-Emmental.

Questa fusione è avvenuta in silenzio. Secondo i verbali delle riunioni, il consiglio di amministrazione ha giustificato la fusione affermando che "tutto non andava bene" nella sezione regionale Oberaargau-Emmental. Questo accadeva già da tempo. Il personale è stato sottoposto a un'intensa attività di formazione. Anche il numero di soci, in costante calo da anni, ha giocato un ruolo importante.

I sindacalisti di base vedono la fusione come una tattica neoliberale per centralizzare le strutture. Le regioni sono state trascurate e affamate per anni dalla dirigenza nazionale, anche se il quartier generale di Unia possiede una fortuna di milioni.

Unia da parte sua respinge con forza queste accuse. Il portavoce Philipp Zimmermann afferma: "L'esecutivo nazionale è preoccupato per il fatto che Berna-Oberaargau-Emmental è la sezione regionale di Unia che ha costantemente perso il maggior numero di iscritti negli ultimi dieci anni. Inoltre, gli obiettivi fissati dalla regione stessa sono ben lontani dall'essere raggiunti". Per questo motivo, a suo avviso, sarebbe giusto che la direzione regionale reagisse e prendesse le misure necessarie.

Guarda anche 

Deve pagare 3'500 franchi per aver rapito il cane dell'ex fidanzata

Lo scorso febbraio, un uomo di 22 anni si è introdotto nell'appartamento della sua ex fidanzata e della madre di lei mentre erano fuori casa, nel canton Ber...
22.11.2022
Svizzera

Un clan balcanico a processo per sevizie sulle mogli

L'atto d'accusa di 34 pagine descrive le malefatte di un padre e dei suoi quattro figli nei confronti delle loro mogli. I membri di un clan originario dei balcani...
03.11.2022
Svizzera

Un raro cervo albino abbattuto da un cacciatore straniero

Negli ultimi mesi, la presenza di un cervo albino ha attirato numerosi curiosi che speravano di vedere il raro animale bianco, che si aggirava nella zona di Konolfinge...
27.10.2022
Svizzera

Teneva 48 gatti ammalati nel suo appartamento, condannata per maltrattamento di animali

Durante un controllo lo scorso marzo, il Servizio veterinario del canton Berna aveva scoperto almeno 48 gatti nell'appartamento di una donna di 59 anni. Alcuni di ...
25.10.2022
Svizzera