Sport, 01 agosto 2022

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

Ieri i bianconeri hanno finalmente colto il primo successo stagionale – e i primi punti – andando a imporsi in casa della neo promossa Winterthur per 4-1

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in campionato maturate nelle prime due uscite stagionali, a Winterthur, contro la neo promossa, per la truppa di Croci-Torti contava solo il risultato. Per l’estetica ci sarà tempo – anche grazie mercato che deve dare assolutamente una mano al tecnico bianconero e con l’infermeria che deve svuotarsi – ed ecco perché il 4-1 ottenuto allo Schützenwiese è preziosissimo.
 
 
Nonostante un avvio shock, con tanto di rete di Buess, i ticinesi non si sono fatti prendere dal panico – cosa non da poco – ma si sono fatti accompagnare per mano dal ticinese bianconero per eccellenza, quel Mattia Bottani che con due assist in fotocopia (per Celar e per Haile-Selassie) e con un gol – bello ma con la partecipazione del portiere zurighese – ha ribaltato la contesa e ha ridato aria, fiducia e consapevolezza a tutta la sua squadra. 

 
 
Certo, nel secondo tempo il Winterthur si è prodigato molto dalle parti di Saipi che, però, a conti fatti non ha dovuto fare gli straordinari se non in un paio di situazioni. È stato così ancora una volta Bottani a prendersi la scena, con un altro assist al bacio per Mahmoud fermato però dal palo… legno che invece non si è intromesso sul rigore tirato e siglato da Celar per il definitivo 4-1.
 
 
3 punti importanti quelli ottenuti ieri, dicevamo, non tanto per la classifica quanto per il morale in vista delle prossime partite di campionato e per avvicinarsi al meglio alla sfida europea di giovedì contro l’Hapoel Beer Sheva.

Guarda anche 

Muore a 22 anni durante un allenamento: dramma in Argentina

SAN MIGUEL DE TUCUMAN (Argentina) – Un’autentica tragedia si è abbattuta sul calcio colombiano e argentino: a 22 anni è morto improvvisamente il...
01.12.2022
Sport

Inghilterra-USA, anno 1950: la brutta figura dei “maestri”

LUGANO - La sorprendente sconfitta dell’Argentina contro l’Arabia Saudita ai Mondiali del Qatar conferma, semmai ce ne fosse bisogno, che nel calcio come...
01.12.2022
Sport

Casemiro condanna la Svizzera: il Brasile vince 1-0

DOHA (Qatar) – Se contro il Camerun ci aveva pensato Embolo a togliere le castagne dal fuoco per una Svizzera non esattamente brillante, questa volta contro un Bras...
28.11.2022
Sport

Fra il serio e il faceto, i voti ai protagonisti della settimana mondiale

LUGANO - FIFA: penosa conferenza stampa di inaugurazione di capataz Gianni Infantino (detto Al Infanthin), ahinoi candidato unico alla riconferma, e penose anch...
28.11.2022
Sport