Sport, 17 luglio 2022

“Suo figlio non è abbastanza bravo”: calciatori cacciati via mail a 7 anni

Sono diversi i bambini scaricati dai settori giovanili di diverse formazioni italiane (e non solo)

MILANO (Italia) – “Purtroppo non rientri nei quadri tecnici della società”, scritto via mail a un bambino classe 2015. “Gentile papà, le comunico che suo figlio non verrà confermato”. Il bambino in questione è classe 2013. Si tratta di bambini cacciati tramite mail o tramite Whatsapp da diversi settori giovanili di diverse formazioni italiane, a cui viene negato il sogno più bello, quello di giocare a calcio e di immaginarsi i nuovi Messi, Cristiano Ronaldo, o più semplicemente di emulare ciò che hanno fatto i loro papà. È ciò che è successo a Milano – ma non solo in Italia – in concomitanza degli open day delle scuole calcio. In tanti hanno dovuto abbandonare il loro sogno, non perché non ci sia spazio per loro, ma per questioni tecniche: non sono bravi come altri.
 
 
Eppure a quell’età, giocare a calcio dovrebbe essere appunto un gioco, un divertimento accessibile a tutti, senza selezioni, ma con la voglia di partecipare e divertirsi. “Mio figlio del 2013 ha finalmente giocato nella squadra di una scuola calcio d’élite di Milano dopo lo stop per covid e un infortunio, era felice. Ma tre giorni fa sul mio telefonino è arrivato il messaggio: non lo hanno confermato perché il mister ritiene che sia indietro. Non ho avuto il coraggio di dirlo a mio figlio, a settembre lo iscriverò altrove dicendogli che andiamo in un posto più vicino”, ha raccontato un padre a il ‘Quotidiano Nazionale’. 

 
 
Purtroppo questa incresciosa situazione si ripete ogni anni, con tanto di mail fredda, gelida, uguale per tutti. Anche la FIGC, la federazione italiana di calcio, ha voluto dire la sua, facendo la voce grossa. “Siamo arrabbiati, ci arrivano mail di protesta dei genitori. Vorrei conoscere questi tecnici che dicono a un bambino di 7 anni che non è all’altezza…”.
 
 
Una situazione, non solo italiana, davvero incresciosa e che dovrebbe far riflettere sul vero ruolo dello sport tra i bambini.

Guarda anche 

“Il mio Lugano? Diverso da quello di Croci Torti”

LUGANO - Dario Rota, dopo aver festeggiato la salvezza del Lugano Under 21, ha già lo sguardo rivolto a Berna, dove domenica si giocherà la finale di C...
28.05.2024
Sport

Lugano, un saluto amaro. Ma ora testa alla Coppa

LUGANO - Il Lugano non “lancia” al meglio la finalissima di Coppa Svizzera in programma domenica prossima a Berna. Non solo perde con...
26.05.2024
Sport

Lugano, sei in Champions! Grazie all’YB…

ZURIGO – Può una sconfitta essere accolta con una festa? Di solito no, ma in questo caso… possiamo fare uno strappo alla regola. Ebbene sì: ier...
21.05.2024
Sport

La Danimarca è campione: e non doveva neppure esserci!

LUGANO - Sono gli Anni delle guerre balcaniche e di Mani Pulite. Ma anche degli attentati mafiosi che costano la vita ai giudici Falcone e Borsellino. La Jugoslavia,...
23.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto