Svizzera, 02 giugno 2022

"Spero che tutti i rifugiati ucraini accolti in Svizzera possano trovare un lavoro"

La Consigliera federale e capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) Karin Keller-Sutter ha visitato un ostello a Münsingen (BE) mercoledì primo giugno. Questa azienda è stata una delle prime in Svizzera ad assumere un ucraino con lo status di protezione S. Davanti alle telecamere, Karin Keller-Sutter ha parlato con il cuoco ucraino recentemente assunto e il direttore dell'ostello e ha espresso il desiderio che "le persone a cui è stato concesso lo status di protezione S possano trovare un lavoro".

La visita è stata un'opportunità "per vedere come stanno andando le cose sul campo", ha spiegato il DFGP in un comunicato stampa e rendere noti alcuni dettagli sull'accoglienza degli ucraini con un permesso S. "Se inizialmente la priorità era garantire l'accoglienza e la sistemazione delle persone in fuga dall'Ucraina, ora si tratta di consentire ai beneficiari dello status di protezione S di partecipare alla vita economica e sociale della Svizzera", si legge nel
documento, che precisa che finora sono quasi mille gli ucraini che hanno trovato un lavoro in Svizzera, dei circa 52'000 che sono stati accolti.

Con 188 permessi, il canton Zurigo è il cantone che ha più lavoratori ucraini con statuto S, segue Argovia (98 permessi), Berna (95) e Turgovia (92). Per quanto riguarda il settore professionale, il settore alberghiero e della ristorazione è quello che ha assunto il maggior numero di ucraini (203 autorizzazioni). Seguono i settori della pianificazione, della consulenza e dell'informatica (146), dell'istruzione (102) e dell'agricoltura (97).

Karin Keller-Sutter vuole ora rafforzare ulteriormente l'integrazione dei rifugiati con status di protezione S nel mercato del lavoro. A tal fine, ha invitato le parti sociali e i cantoni a un ulteriore incontro il 23 agosto. Le discussioni che si svolgeranno "dovrebbero consentire di individuare le sfide e definire le strategie per promuovere l'occupazione dei beneficiari dello status di protezione S", conclude il comunicato del DFGP.

Guarda anche 

“Guardia alta sui permessi ucraini”

LUGANO - Non è tutto oro ciò che luccica. Sebbene sia la popolazione che le autorità ticinesi si sono dimostrate solidali e pronte (meglio di al...
28.07.2022
Ticino

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

"La Russia non ha ancora cominciato a fare sul serio"

La Russia non ha "ancora iniziato a fare sul serio" in Ucraina, dove sta conducendo un'importante offensiva militare dalla fine di febbraio, ha dichiarat...
08.07.2022
Mondo

Cassis annuncia 100 milioni di franchi di aiuti a favore dell'Ucraina

La Svizzera verserà fino a 100 milioni di franchi svizzeri all'Ucraina entro la fine del 2023, raddoppiando quindi gli aiuti finora promessi. Lo ha annuncia...
05.07.2022
Svizzera