Sport, 29 maggio 2022

Al Real la Coppa più prestigiosa

Difesa, contropiede e un super Courtois: con questa ricetta le Merengues di Ancelotti hanno vinto la loro 14a coppa dalle grandi orecchie

PARIGI (Francia) - Super Courtois e un Real Madrid quadrato, cinico e meno frenetico, mandano al tappeto il Liverpool, che forse avrebbe meritato qualcosa di più. Non gli è infatti bastata una costante supremazia territoriale e tutta una serie di occasioni che si sono infrante sulportiere rivale. Alla fine vincono gli spagnoli: per la quattordicesima volta. Ancelotti, come sempre, fortunato. Ma quello che è successo ieri sera allo Stade De France prima del match ha lasciato tutti basiti. Sì, perché l’atto conclusivo della più ricca e importante manifestazione a livello di club ha dovuto iniziare in ampio ritardo a causa dei problemi di accesso allo stadio dei tifosi inglesi, che sono rimasti fuori in attesa di poter accedere all’evento. Inevitabile le code e pure la tensione dei tifosi sprovvisti di biglietto che tentavano di entrare. Dopo 36 minuti la partita è finalmente cominciata. Con il Liverpool
che pressa alto, fa correre la palla a mille all’ora e mette in ambasce gli spagnoli.


Al 20’, dopo aver impensierito già due volte Courtois, Salah colpisce il palo. Poi l’onda rossa si attenuta e il Real prende campo. Con calma e geometrie ben ragionate, comincia a farsi vedere dalle parti di Allison. E al 44’ va pure in gol con Benzema ma il Var annulla per fuorigioco. Il primo tempo finisce dunque sullo 0-0. La ripresa inizia tuttavia come era iniziata la partita: Reds avanti, Madrid a controllare. Fintanto che al 58’ un contropiede veloce di Carvajal è elaborato da Valverde, il cui tiro arriva sul piede di Vinicius, il quale non da scampo a Allison. 1-0 Real!


Poi diventa un affare a due: Courtois contro Salah. I due non si risparmiano. Il belga para tutto mentre l’egiziano prova a sorprenderlo facendo leva sul suo grande talento. Il muro alzato dal Real alla fine da i suoi frutti e dopo 4 anni di astinenza la coppa dalle orecchie lunghe torna in Spagna.

Guarda anche 

Calcio in lutto: è morto Andreas Brehme

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Una triste notizia è giunta questa mattina dalla Germania: il calcio piange la morte di Andreas Brehme, che si è spento...
20.02.2024
Sport

Un rosso di troppo e il Lugano si lecca le ferite

GINEVRA – Si sperava, in casa Lugano, che l’effetto Europa si facesse sentire sul Servette, reduce dalla sfida di giovedì sera contro il Ludogorets nei...
19.02.2024
Sport

Tornano le svizzere: YB e Servette in missione europea

LUGANO – Dopo la scorpacciata di gol, emozioni e adrenalina regalateci dalla prima due giorni dei match di andata degli ottavi di finale di Champions League, e in a...
15.02.2024
Sport

Lugano, che cuore!

LUGANO - he partita, quante emozioni: sei reti, il VAR protagonista e due squadre che non si risparmiano, soprattuto il Lugano, sempre sotto ...
11.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto