Sport, 29 maggio 2022

Al Real la Coppa più prestigiosa

Difesa, contropiede e un super Courtois: con questa ricetta le Merengues di Ancelotti hanno vinto la loro 14a coppa dalle grandi orecchie

PARIGI (Francia) - Super Courtois e un Real Madrid quadrato, cinico e meno frenetico, mandano al tappeto il Liverpool, che forse avrebbe meritato qualcosa di più. Non gli è infatti bastata una costante supremazia territoriale e tutta una serie di occasioni che si sono infrante sulportiere rivale. Alla fine vincono gli spagnoli: per la quattordicesima volta. Ancelotti, come sempre, fortunato. Ma quello che è successo ieri sera allo Stade De France prima del match ha lasciato tutti basiti. Sì, perché l’atto conclusivo della più ricca e importante manifestazione a livello di club ha dovuto iniziare in ampio ritardo a causa dei problemi di accesso allo stadio dei tifosi inglesi, che sono rimasti fuori in attesa di poter accedere all’evento. Inevitabile le code e pure la tensione dei tifosi sprovvisti di biglietto che tentavano di entrare. Dopo 36 minuti la partita è finalmente cominciata. Con il Liverpool
che pressa alto, fa correre la palla a mille all’ora e mette in ambasce gli spagnoli.


Al 20’, dopo aver impensierito già due volte Courtois, Salah colpisce il palo. Poi l’onda rossa si attenuta e il Real prende campo. Con calma e geometrie ben ragionate, comincia a farsi vedere dalle parti di Allison. E al 44’ va pure in gol con Benzema ma il Var annulla per fuorigioco. Il primo tempo finisce dunque sullo 0-0. La ripresa inizia tuttavia come era iniziata la partita: Reds avanti, Madrid a controllare. Fintanto che al 58’ un contropiede veloce di Carvajal è elaborato da Valverde, il cui tiro arriva sul piede di Vinicius, il quale non da scampo a Allison. 1-0 Real!


Poi diventa un affare a due: Courtois contro Salah. I due non si risparmiano. Il belga para tutto mentre l’egiziano prova a sorprenderlo facendo leva sul suo grande talento. Il muro alzato dal Real alla fine da i suoi frutti e dopo 4 anni di astinenza la coppa dalle orecchie lunghe torna in Spagna.

Guarda anche 

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

Gianluca Pessotto, il dramma di un calciatore perduto

TORINO (Italia) - Il 27 giugno 2006 l’Italia calcistica è nella bufera: l’inchiesta dei magistrati ha appena scoperchiato un sistema di corruzione...
29.07.2022
Sport

Rivoluzione inglese: colpi di testa banditi, fino a 12 anni solo col pallone ai piedi

LONDRA (Gbr) – Se non è una rivoluzione, poco ci manca. Specie per il calcio inglese, vigoroso, spigoloso, fisico, in cui il colpo di testa è quasi un...
28.07.2022
Sport