Svizzera, 20 maggio 2022

A processo per aver dato da mangiare al gatto della vicina, viene assolta

Una 59enne di Eglisau, nel canton Zurigo, è stata processata per la singolare accusa di aver dato da mangiare al gatto della vicina, nonostante quest'ultima fosse contraria. "Sono sollevata per l'assoluzione, l'intero procedimento è stato molto difficile". Questo è ciò che la donna ha detto a "20 Minuten" mercoledì mentre lasciava il tribunale distrettuale di Bülach (ZH). È stata accusata di aver lasciato che Mici, il gatto soriano rosso del vicino, trascorresse la notte a casa sua per circa cinque mesi e di aver dato da mangiare all'animale contro la volontà del suo proprietario. Inizialmente, la 59enne era stata multata di 700 franchi per appropriazione indebita, ma aveva fatto ricorso contro la sentenza. Per questo motivo, il caso è stato nuovamente trattato mercoledì dal tribunale di Zurigo.

Durante il processo, l'accusata ha negato le accuse. "Non ho mai rinchiuso il gatto e non ho mai voluto possederlo. Secondo lei, nel 2018 il gatto della vicina era diventata molto magra. "Per compassione, l'ho nutrito per circa due mesi", ha detto.

La proprietaria del micio si era rivolto a un avvocato, che ha quindi chiesto un risarcimento danni all'imputato. "Tutti gli
sforzi del mio cliente per convincere l'imputata a smettere di dargli da mangiare sono stati vani". Anche i vicini hanno cercato di convincerla, così come il rifugio per animali da cui proveniva il gatto e l'ufficio veterinario cantonale. "Come ultima risorsa, il mio cliente non ha avuto altra scelta che avviare un procedimento penale, dato che l'imputata era assolutamente resistente ai consigli", ha continuato l'avvocato.

L'avvocato ha anche ricordato che Mici, questo il nome del felino, ha dovuto essere riportata al rifugio, in quanto non mangiava più il suo cibo speciale e non era più possibile prestarle cure adeguate. "Il mio cliente soffre ancora oggi per questa perdita. È come se le avessero tolto un figlio", ha detto l'avvocato.

L'avvocato dell'imputata ha invece chiesto l'assoluzione. "Il gatto, che era libero, si aggirava nel quartiere ed entrava e usciva anche da altri appartamenti". Il tribunale ha infine assolto la 59enne. Secondo il giudice, non è stato possibile provare che la donna abbia sistematicamente nutrito il felino. Il proprietario dell'animale dovrà pagare le spese processuali di circa 800 franchi, secondo quanto riportato dal "Blick".

Guarda anche 

Dopo cinque ritiri di patente, un poliziotto rischia il lavoro davanti ai giudici

Sei sanzioni amministrative e cinque ritiri di patente: la carriera di un poliziotto vodese è a rischio dopo l'ennesima infrazione stradale che gli è...
25.06.2022
Svizzera

In tribunale per il divorzio, all'uscita viene aggredito dal figlio della ex

Il divorzio è finito in tribunale e all'uscita si è scatenata una rissa. Martedì scorso, tre persone appartenenti alla stessa famiglia si è...
23.06.2022
Svizzera

Allevatore condannato per la quarta volta per maltrattamenti "solo" con una multa, animalisti arrabbiati

La quarta condanna ad un allevatore che era accusato di maltrattare i suoi animali ha fatto arrabbiare gli animalisti, che ritengono sia scandaloso che l'uomo possa a...
22.06.2022
Svizzera

L'imam che auspicava la distruzione delle altre religioni sarà espulso, ma niente carcere

Il predicatore islamico che in un sermone auspicava la distruzione dei seguaci delle altre religioni è stato condannato a una pena detentiva sospesa e all'espu...
22.06.2022
Svizzera