Svizzera, 19 maggio 2022

La Confederazione vuole spendere fino a 10 miliardi di franchi per evitare un "blackout devastante"

10 miliardi di franchi da mettere a disposizione delle principali aziende elettriche in modo da evitare un blackout "devastante" per l'economia svizzera. Questa astronomica cifra è stata decisa nel corso della riunione di mercoledì del Consiglio federale, durante la quale ha trasmesso al Parlamento il suo messaggio per "una legge federale urgente sull'assistenza finanziaria alle aziende elettriche su base sussidiaria".

Nel messaggio il Consiglio federale ha osservato che "negli ultimi mesi i mercati energetici europei hanno registrato forti aumenti dei prezzi, aggravati dalla guerra". Pur ritenendo che le aziende elettriche svizzere siano ben posizionate nel mercato energetico la situazione attuale potrebbe, nel peggiore dei casi, "portare a una reazione a catena incontrollabile che potrebbe minacciare la liquidità di un gruppo elettrico di importanza sistemica e, di conseguenza, l'approvvigionamento elettrico della Svizzera".

Tecnicamente, le transazioni di scambio di energia elettrica sono soggette a "garanzie" finanziarie, che possono aumentare improvvisamente con l'aumento dei prezzi. Se una delle aziende elettriche svizzere considerate "sistemiche" dovesse perdere queste garanzie, ci sarebbe un blackout. "Le conseguenze di un'interruzione prolungata della corrente sarebbero disastrose", avverte il Consiglio federale. Con il
suo meccanismo di salvataggio mira a evitare "lo scenario peggiore".

Tuttavia, i dieci miliardi devono essere utilizzati solo come ultima risorsa e in "situazioni estreme" sotto forma di prestiti. Le aziende e i loro proprietari (compresi i cantoni e i comuni) devono sempre prendere tutte le precauzioni necessarie per garantire la loro liquidità. In cambio di questi prestiti, le aziende sono soggette a requisiti di trasparenza. Inoltre, pagano una quota forfettaria annuale per coprire parzialmente i costi della Confederazione per l'attuazione di questo meccanismo fino al 2026.

I prestiti non saranno gratuiti. La Confederazione applicherà un premio di rischio compreso tra il 4 e il 10%: "Questo premio ha lo scopo di evitare incentivi dannosi", scrive il Consiglio federale, "e di garantire che le imprese facciano tutto il possibile per assicurarsi il finanziamento da parte dei loro proprietari e delle banche e che ricorrano ai prestiti federali solo in casi di estrema urgenza".

Il Consiglio federale sta presentando con urgenza questa proposta al Parlamento. Durante la pandemia di coronavirus", si legge nel documento, "il Parlamento ha chiesto espressamente al Consiglio federale di astenersi il più possibile dall'emanare ordinanze di emergenza e di optare per la via legislativa ordinaria". Trasmettendo la legge federale urgente, il Consiglio federale soddisfa questo requisito.

Guarda anche 

Albert Rösti e Elisabeth Baume-Schneider eletti in Consiglio federale

Il bernese Albert Rösti e la giurassiana Elisabeth Baume-Schneider sono stati eletti quali successori dei consiglieri federali Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga. Se ...
07.12.2022
Svizzera

Il dilemma di Berset: cambiare dipartimento o lasciare il governo

Le elezioni dei successori di Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga in Consiglio federale sono entrate nella fase più calda. I candidati del PS Eva Herzog e Elisabe...
02.12.2022
Svizzera

Negozi spenti e temperature massime per le lavatrici, il CF presenta le restrizioni in caso di penuria di energia

Il rischio di una carenza di energia questo inverno hanno spinto il Consiglio fedearle a elaborare un piano in più fasi per far fronte alle possibili conseguenz...
24.11.2022
Svizzera

Successione Maurer, l'UDC propone Albert Rösti e Hans-Ueli Vogt

In una riunione tenutasi venerdì a Hérémence (VS), i membri del gruppo UDC alle Camere federali hanno deciso di candidare Albert Rösti (BE) e...
19.11.2022
Svizzera