Magazine, 13 maggio 2022

Definire 'pelato' un uomo... è molestia sessuale!

Lo ha definito un tribunale delle Gran Bretagna: l'uso della parola potrebbe essere "intrinsecamente correlato al sesso" e costituire una descriminazione

LONDRA (Gbr) - Definire 'pelato' un collega di lavoro maschio è "molestia sessuale": lo ha definito un tribunale del lavoro del Regno Unito, dopo che un uomo - l'elettricista Tony Finn - ha citato in giudizio una piccola azienda familiare per la quale aveva lavorato per quasi 24 anni, per licenziamento ingiusto e molestie sessuali. Finn ha anche accusato un collega di averlo chiamo "gravo e calvo": stando la tribunale, l'uso di tale parola sarebbe "intrisecamente correlato al sesso" e sarebbe così una forma di discriminazione. Lo riporta 'Bloomberg'.


Il tutto è iniziato a luglio 2019, quando Finn aveva discusso col superiore in officina. Tale lite era poi sfociata in violenza: in quell'occasione, così come ha spiegato il 'Daily Mail' il collega lo aveva definito un "ca..o calvo". {banner}


L'accusa ha convinto la giuria a definire che commentare la sua calvizie non era semplicemente un insulto, ma una vera molestia. "È difficile concludere diversamente. Quelle parole sono state pronunciate con lo scopo di violare la dignità del ricorrente e creare per lui un ambiente intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo": così è scritto nella sentenza. 


Finn ha anche vinto la causa sul licenziamento ingiustificato.

Guarda anche 

Ricorre fino al Tribunale federale per farsi annullare la tassa militare e alla fine la spunta

Un uomo residente nel canton Soletta è andato da tribunale in tribunale per farsi annullare una richiesta di tassazione di 6'612 franchi che sosteneva non dove...
13.05.2022
Svizzera

Più di 250 migranti fermati in un solo giorno mentre cercavano di attraversare la Manica

Oltre 250 migranti sono stati avvistati e fermati in sette imbarcazioni di fortuna mentre tentavano di attraversare la Manica domenica, ha riferito lunedì il minis...
03.05.2022
Mondo

Boris Johnson riceve Cassis a Londra: "Fuori dall'UE possiamo creare la Britzerland"

In visita a Londra giovedì, il presidente svizzero Ignazio Cassis e il suo omologo Boris Johnson hanno rafforzato la loro collaborazione come paesi europei al di f...
29.04.2022
Svizzera

Assange verso l'estradizione negli USA, negato l'ultimo ricorso

Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange è un passo più vicino ad essere estradato negli Stati Uniti per affrontare il processo per le accuse di spionaggio,...
20.04.2022
Mondo