Svizzera, 09 maggio 2022

Contro il rincaro della benzina deduzioni fiscali raddoppiate per gli automobilisti?

I pendolari che usano i trasporti pubblici o l'automobile per recarsi a lavoro possono dedurre fino a 3'000 franchi all'anno dalle imposte federali. L'UDC ritiene che gli automobilisti siano ora penalizzati a causa del massiccio aumento dei prezzi del carburante. Il partito chiede quindi che gli automobilisti possano richiedere il doppio delle detrazioni in futuro. "Dobbiamo agire ora. I lavoratori che dipendono dalla loro auto per andare al lavoro hanno spese molto più alte di quelli che usano il trasporto pubblico", dice il consigliere nazionale Walter Wobmann (SO), citato da "20 minutes".

Per il presidente della commissione dei trasporti, Jon Pult (PS/GR), il raddoppio della deduzione per gli automobilisti andrà a beneficio solo dei ricchi. "Le classi medie e basse non ne beneficeranno", sostiene il grigionese, secondo cui si dovrebbe intervenire sui costi di riscaldamento e sulle spese di affitto. Questo avrebbe un effetto rapido ed efficace sul portafoglio.

Il consigliere nazionale Kurt Egger (Verdi/TG) sostiene l'opinione del deputato socialista. "Dovremmo iniziare con le spese di affitto. È qui che dovrebbe essere pagata la compensazione. Ma certamente non a favore degli automobilisti, come vorrebbe l'UDC", ha detto. Per quanto riguarda l'argomento che una certa parte della popolazione è dipendente dall'auto per andare al lavoro, aggiunge: "Se il trasporto pubblico non permette ai dipendenti di arrivare al lavoro in tempo, dovrebbero cercare una soluzione con il loro datore di lavoro".

Per il PLR, un pacchetto di aiuti limitato nel tempo aiuterebbe. "Per esempio, con una riduzione dell'imposta sugli oli minerali", ha detto il consigliere nazionale Christian Wasserfallen (BE). Il piano dell'UDC, che non entrerebbe comunque in vigore sulle dichiarazioni dei redditi fino all'anno prossimo, avrebbe effetto troppo tardi, aggiunge il bernese.

Nel Centro, l'opinione è piuttosto di lasciare le cose come stanno. Per Martin Candinas (GR), "dobbiamo badare alle entrate dello Stato e gestire le finanze in modo responsabile. Inoltre, la detrazione per i pendolari è stata abbassata solo pochi anni fa. Non possiamo cambiare le leggi in continuazione. Abbiamo bisogno di continuità".

Guarda anche 

L'ATE vuole lanciare un'iniziativa per vietare le auto a benzina dal 2030

Dopo il fallimento della legge sul CO₂ alle urne nel giugno 2021, l'Associazione Trasporti e Ambiente (ATE) vuole fare pressione sulla politica ambientale svizze...
18.04.2022
Svizzera

Il Consiglio federale non intende intervenire sul prezzo della benzina

Durante l'ora delle domande di lunedì, diversi consiglieri nazionali hanno chiesto al Consiglio federale cosa intendesse fare per proteggere i cittadini dal...
15.03.2022
Svizzera

"La benzina potrebbe costare 4 franchi al litro"

Il prezzo del carburante continuerà probabilmente ad aumentare, secondo il Consigliere federale Guy Parmelin. In un'intervista a "Schweiz am Wochenende...
12.03.2022
Svizzera

I Verdi si rallegrano per l'aumento del prezzo della benzina

Da diversi mesi ormai, il prezzo del carburante è in continuo aumento. E il conflitto russo-ucraino ha peggiorato ulteriormente la situazione. Mentre qualc...
11.03.2022
Svizzera