Svizzera, 15 aprile 2022

Picchiava la compagna fino a mandarla all'ospedale, condannato e espulso

Il tribunale penale di Basilea ha condannato un cittadino ungherese di 42 anni a sei anni e un mese di carcere, a pagare 10'000 franchi di risarcimento, 60'000 franchi di spese legali e otto anni di espulsione dalla Svizzera per aver ripetutamente picchiato, e quasi ucciso, la compagna.

L'episodio più violento risale a maggio 2021, quando l'uomo aveva quasi ucciso la malcapitata, che all'epoca aveva 25 anni, picchiandola e strangolandola. La vittima è persino saltata dal balcone del suo appartamento per disperazione, non vedendo altro modo per sfuggire al suo aggressore, secondo quanto si legge nell'atto di accusa. Tuttavia, la corte è giunta a una conclusione diversa. Poco prima del salto, l'uomo era stato visto fumare sul balcone, quindi la situazione si era calmata. Inoltre, la giovane donna aveva minacciato di suicidarsi se l'uomo l'avesse lasciata, come evidenziato dai messaggi di testo. L'imputato è stato assolto da questa accusa dal tribunale, considerando l'atto come un tentativo di suicidio, come riportato giovedì da 20 Minuten e Basler Zeitung.

Due mesi dopo, nel luglio 2021, alla vigilia del suo arresto, l'imputato ha "interrogato" e filmato la sua vittima in una camera d'albergo a Basilea. La sottopose di nuovo a violente percosse che la misero di nuovo in pericolo la sua vita. Il giudice ha considerato che la vittima aveva sofferto "il martirio per diverse ore" e che era quasi morta a causa delle sue ferite e di un'emorragia cerebrale. L'avvocato della vittima ha parlato di una situazione simile alla tortura all'udienza di lunedì. 


Dopo la notte di violenza nell'hotel, la coppia è andata a Muttenz. La vittima è poi svenuta nella cantina di un conoscente dell'accusato a causa dolore che provava. L'uomo, credendola morta, l'ha portata in strada e l'ha lasciata vicino all'entrata di un garage in pieno giorno. È stato arrestato poco dopo.

L'avvocato della difesa ha detto che il suo cliente non è colpevole. Ha invocato l'incoscienza dovuta all'alcool, che avrebbe fatto perdere conoscenza all'imputato. La corte è giunta a una conclusione diversa, considerando che l'imputato era abbastanza cosciente da filmare la sua vittima per diversi minuti. Il presidente del tribunale ha detto: "L'avete torturata una seconda volta, mentre il procedimento contro di voi per la violenza di maggio era già in corso".

L'uomo era già stato imprigionato in Ungheria per crimini violenti. Alla fine dell'udienza, è stato condannato per tentato omicidio, lesioni corporali semplici multiple, tentata coercizione, minacce e diversi reati di droga. L'accusa aveva chiesto una pena detentiva di nove anni e mezzo. La sentenza non è ancora definitiva.

Guarda anche 

7 anni di carcere e espulsione per aver “scalpato” un uomo

Il tribunale penale di Littoral e Val-de-Travers, nel canton Neuchâtel, ha condannato uno spacciatore a sette anni di carcere per tentato omicidio, reati gravi e vi...
03.02.2023
Svizzera

Dipendente dall'assistenza, riesce a evitare l'espulsione perchè è diventato pensionato

Un pensionato spagnolo è riuscito a evitare l'espulsione dalla Svizzera grazie al ricorso presentato al Tribunale federale. Il suo cantone di residenza, Appenz...
03.02.2023
Svizzera

Autore di due risse violente, viene espulso ma evita il carcere

Un cittadino kosovaro di 24 anni è comparso la scorsa settimana davanti al Tribunale distrettuale di San Gallo. L'uomo si era reso protagonista di due risse ne...
26.01.2023
Svizzera

Condannato a 14 anni di carcere e espulsione per aver ucciso la moglie a coltellate

Un cittadino eritreo che ha ucciso la moglie con 23 coltellate il 22 aprile 2021 in un appartamento di Peseux (NE) è stato condannato a 14 anni di reclusione, segu...
25.01.2023
Svizzera