Sport, 29 marzo 2022

“Girls contro le Ladies, una sfida storica!”

Le biancoblù promosse nella massima lega: ne parliamo con il tecnico Dimitri Tsygurov

AMBRÌ - Dimitri Tsygurov parla delle sue Girls con grande orgoglio. L’avvenuta promozione nella massima serie è storica e sorprendente, visto e considerato che il progetto del club leventinese è decollato solo cinque anni fa, nella stagione 2017/2018, quando iscrisse una squadra al campionato di Serie C. Poi, dopo due anni caratterizzati dalla pandemia, ecco che finalmente le ragazze leventinesi sono riuscite a centrare la promozione nella Women’s League. Il top. 


Tsygurov: davvero fantastico...
Beh, diciamo che non era il nostro primo obiettivo quando abbiamo ripreso dopo due anni difficilissimi. Ma i risultati della regular season, al termine della quale ci siamo classificati secondi, inducevano all’ottimismo. E questo malgrado qualche infortunio di troppo, che ci ha costretto a giocare anche con sole due linee di attacco.


La vostra è una rosa, diciamo così, variegata.
Abbiamo un gruppo solido e davvero coeso, nel quale militano anche giocatrici italiane che sono cresciute in Ticino. Nella vicina Lombardia esiste un potenziale enorme ma ci sono poche piste. E così vengono da noi per crescere e conoscere. Grazie alla collaborazione con le Ladies, abbiamo inoltre inserite alcune giocatrici bianconere, ragazze peraltro cresciute da noi e mandate a fare esperienza a Lugano. Tengo a precisare che con il club luganese abbiamo una buona collaborazione e un buon rapporto. 



L’hockey femminile sinora non ha suscitato grande consensi in Ticino. Ora che arrivano i derby, qualcosa potrebbe cambiare.
Quando ci sono Ambrì e Lugano di mezzo è naturale che ci sia interesse. Speriamo non si limiti alla categoria maschile. Certo con i derby della prossima stagione sono convinto che si potrebbe compiere un piccolo salto in avanti a livello di immagine. Almeno, lo spero. 


Filippo Lombardi vi ha sempre sostenuti.
E lo ringrazio. Ci ha spronati e ci ha garantito il suo appoggio. Abbiamo particolarmente apprezzato la festa che il club ha organizzato in nostro onore alla Gottardo Arena prima di un match di campionato. Il pubblico è stato veramente carino nei nostri confronti. 

Parlando di futuro: secondo lei, la massima serie dovrebbe allargare il numero delle partecipanti?
È un tema molto importante, in evoluzione. Bisogna dare nuovi impulsi e coinvolgere più regioni del territorio nazionale. Sei squadre sono troppo poche. Ce ne vogliono almeno dieci. Altrimenti si rischia di finire nell’anonimato. Intanto però godiamoci questa promozione. Per me è un grandissima gioia!

MDD

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport