Svizzera, 25 marzo 2022

Militanti femministe condannate per aver manifestato a torso nudo

In occasione della giornata internazionale dei diritti della donna, l'8 marzo 2021, un gruppo di 18 donne ha partecipato a una manifestazione a torso nudo per le strade di Losanna. Dopo un quarto d'ora, degli agenti di polizia sono intervenuti per chiedere alle manifestanti di vestirsi e registrare la loro identità. Da allora, le 18 manifestanti hanno ricevuto un'ordinanza penale che le condannava al pagamento di una multa di 360 franchi e 200 franchi di spese legali.

Le manifestanti sono state ritenute colpevoli di partecipazione a una manifestazione vietata di più di 15 persone nello spazio pubblico (a causa delle misure anti-covid allora in vigore), disturbo della pace pubblica e "abbigliamento contrario alla decenza o alla moralità pubblica". Delle 18 condannate, 11 hanno pagato il conto mentre altre 7 hanno presentato ricorso e vogliono andare al processo, la cui data non è ancora nota. 


In un comunicato rilasciato giovedì, oltre che rendere pubbliche queste condanne le manifestanti condannate hanno annunciato aver creato un collettivo chiamato "Let's Revolt!" per raccogliere fondi per pagare le spese legali. "È rivoltante che durante una marcia femminista", hanno scritto, "i petti nudi possano essere giudicati 'indecenti' o 'immorali'. Per questo è stata lanciata una lotta contro questa decisione, con l'obiettivo di creare un precedente, e potenzialmente poter partecipare legalmente a manifestazioni femministe a torso nudo" si legge nel comunicato, ripreso dai media romandi.

Le femministe hanno quindi organizzato un "Festival Indecente" sabato a Losanna, al Centro socio-culturale Grand-Vennes, così chiamato "in riferimento alle accuse che ci sono state rivolte".

Guarda anche 

Un biker amico di calciatori della nazionale condannato a 13 anni di carcere e espulsione

Un cittadino turco di 36 anni è stato appena dichiarato colpevole, tra le altre cose, di aver costretto un'adolescente a avere relazioni sessuali con lui e di ...
02.06.2024
Svizzera

Non bisogna dire gratuito bensì “finanziato dai contribuenti”

Il Gran consiglio del canton Vaud ha approvato una singolare mozione che vieta l'utilizzo della parola “gratuito” nelle comunicazioni ufficiali del Canton...
29.05.2024
Svizzera

"Sindacati dalla parte dei frontalieri, contro i residenti"

La Lega dei Ticinesi, tramite un comunicato stampa, si dice sconcertata per una manifestazione prevista sabato 25 maggio a Como, organizzata tra gli altri anche da sindac...
16.05.2024
Ticino

Condannata per aver comprato un puntatore laser per giocare con il gatto

I puntatori laser sono un gadget popolare per far divertire facilmente il proprio gatto. Ma in Svizzera l'acquisto di tali oggetti può esporvi a sanzioni. Lo h...
14.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto