Sport, 24 marzo 2022

Ambrì al capolinea: tra alti e bassi, una stagione da cui ripartire

Pur non demeritando, i biancoblù martedì si sono arresi al Losanna, chiudendo così il loro campionato. Le tante assenze e le imprecisioni hanno condizionato i pre playoff

AMBRÌ – Il campionato dell’HCAP si è concluso martedì, in una serata di primavera losannese. In terra vodese, infatti, i ragazzi di Cereda hanno dovuto cedere il passo ai padroni di casa, non riuscendo a centrare quell’impresa conquistata venerdì, ma poi sciupata domenica alla Gottardo Arena. Vincere nuovamente alla Vaudoise Arena non era facile, lo si sapeva, ma la truppa leventinese ci ha provato, cercando anche di andare oltre gli infortuni, le assenze e la differenza di qualità presente tra i due organici.
 
 
L’Ambrì deve ripartire da qui, o meglio dall’ultimo mese, quando finalmente ha capito che soltanto con la forza del gruppo è possibile fare la differenza, mettendo nuovamente sul ghiaccio la filosofia di Luca Cereda e quelle fondamenta su cui si basa da sempre il gioco dell’HCAP. Certo, alcuni innesti sono stati determinanti, primo fra tutti quelli di Juvonen, che ha permesso di ridare solidità alla traballante struttura biancoblù, tanto da rialzarsi nel finale di regular season, centrando l’obiettivo stagionale, fino a sfiorare l’impresa di qualificarsi per i quarti di finale. 

 
 
I più puntigliosi potrebbero dire che con una regular season classica, ovvero con le migliori 8 che si qualificano per i playoff e le ultime 4 impegnate nei playout, la stagione leventinese sarebbe stata desolante, con la compagine sopracenerina giunta a distanza abissale in classifica dallo stesso Losanna, ma tant’è… il nuovo regolamento è questo e guardare al passato ha poco senso. Più che altro bisogna imparare dagli errori per migliorare in vista del futuro prossimo.
 
 
Sì perché se l’Ambrì era riuscito anche a partire in maniera sufficiente a inizio stagione, c’è anche da considerare gli ultimi mesi di regular season, ovvero fino a fine febbraio, quando l’HCAP ha perso 20 partite su 26, mettendo in salita la sua rincorsa a un posto nei pre playoff. C’è voluta una rincorsa sensazionale, vincendo le ultime 6 sfide di campionato e sfruttando le indecisioni fatali del Berna, per ottenere il 10° posto, ma resta evidente che una serie infinita di sconfitte non può essere dimenticata e non analizzata anche perché poi la stanchezza rischia di farsi sentire.
 
 
Al netto di tutto ciò, Cereda in vista della prossima stagione può contare su una base importante formata dai giocatori svizzeri, nonostante l’addio di Fora, che rende il nucleo della sua rosa decisamente solido. Bisognerà ripartire da qui, trovando i pezzi mancanti, ovvero gli stranieri… 

Guarda anche 

La Novartis taglierà 1'400 posti di lavoro in Svizzera

L'azienda farmaceutica Novartis taglierà 8'000 posti di lavoro nei prossimi mesi, di cui 1'400 in Svizzera. I tagli fanno parte di un piano di rispa...
29.06.2022
Svizzera

Prete giocava al gioco d'azzardo con i soldi dei fedeli, dovrà andare in carcere

Un prete cattolico di 52 anni è stato condannato a 3 anni di carcere, di cui 6 mesi da scontare, dal tribunale penale di Lucerna per aver finanziato la sua dipe...
29.06.2022
Svizzera

Ancora covid: Noè Ponti positivo dopo i Mondiali

LUGANO - Avevamo sperato, ma forse ci siamo illusi, di esserci lasciati alle spalle gli ultimi due tremendi anni condizionati dalla pandemia. Quest’anno, almeno per...
28.06.2022
Sport

Sul Lago di Lugano sbarca l'Esercito

L’Ukraine Recovery Conference 2022 (URC), che si terrà a Lugano il 4 e 5 luglio 2022, rappresenta per la Polizia cantonale ticinese e i suoi partner un&rs...
28.06.2022
Ticino