Svizzera, 26 febbraio 2022

Scagionato dall'aver appiccato un incendio perchè c'era un gatto nella casa

Un gatto può accendere le piastre della cucina da solo? A questa singolare domanda ha dovuto rispondere un gruppo di esperti, incaricati dal Tribunale federale di appurare chi era il responsabile dell'incendio di un edificio che aveva ucciso una giovane brasiliana a Payerne (VD) nel 2017. Cinque anni dopo, la domanda viene ancora posta e, a seconda del tribunale, il verdetto è diverso.

Nel 2020, il tribunale di Yverdon aveva condannato il proprietario dell'appartamento dalla cui cucina era iniziato l'incendio. L'uomo era stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo e condannato a pagare un risarcimento di 40'000 franchi alla madre del defunto come danno morale. Ma l'imputato ha presentato ricorso al tribunale cantonale, che lo ha scagionato nel 2021.


I giudici cantonali hanno ritenuto che il suo appartamento aveva preso fuoco in sua assenza, mentre faceva jogging. Secondo gli esperti, "l'incendio è stato causato dal calore rilasciato da una zona di cottura del tavolo in vetroceramica". Su questa base, hanno stimato che o l'inquilino aveva dimenticato di spegnere il fornello o che il suo gatto aveva appiccato il fuoco.

Ma il gatto potrebbe toccare entrambi i pulsanti in successione per accendere la zona di cottura? Gli esperti non hanno potuto escludere questa possibilità, poiché ritengono possibile che l'animale abbia calpestato i pulsanti per accendere le piastre. L'imputato ha anche dichiarato che un simile scenario si era verificato in passato.

Dopo il verdetto cantonale, era stata madre della vittima a presentare ricorso al Tribunale federale, chiedendo che l'inquilino sia dichiarato colpevole di omicidio colposo e incendio doloso colposo. "Quando ci sono opinioni di esperti divergenti su una questione decisiva, il giudice deve valutare quali valutazioni vuole seguire senza tener conto della presunzione di innocenza", hanno detto i giudici federali.

Secondo Mon-Repos, in questo particolare contesto non ci sono dubbi a favore dell'imputato. Il Tribunale federale ha ricordato che la perizia non favorisce alcuna ipotesi, anche se il Tribunale cantonale aveva ritenuto che se il gatto avesse causato l'incendio, la colpa non poteva essere imputata al proprietario dell'animale.

Il ricorso della madre della vittima è stato quindi accolto. Il caso tornerà quindi ora al Tribunale cantonale, che è stato invitato dai giudici di Mon Repos a "riprendere la procedura di valutazione delle prove".

Guarda anche 

Viene truffata due volte e finisce per essere condannata per riciclaggio

Una donna residente in Vallese è riuscita a farsi truffare due volte dalla stessa persona e, se ciò non fosse abbastanza, è finita per essere condann...
16.02.2024
Svizzera

Vuole spostare l'auto di pochi centrimetri mentre è ubriaca, si ritrova con 10'000 franchi di multa

È una vicenda quantomeno singolare, per non dire sfortunata, quella avvenuta a una donna di Lucerna un sabato pomeriggio nell'estate del 2022. La donna si era ...
13.02.2024
Svizzera

Perde 40'000 franchi col gioco d'azzardo, ma la banca doveva fermarla (e dovrà risarcirla)

Un debito di 40'000 franchi di una ex cliente di PostFinance, contratto a causa di un errore informatico della banca, dovrà essere cancellato. La giustizia rit...
11.02.2024
Svizzera

Un uomo armato tiene un ostaggio i passeggeri di un treno vicino a Yverdon

Giovedì sera si è verificata una presa di ostaggi in un treno nei pressi di Yverdon, nel nord del canton Vaud. Secondo quanto riferito dai media romandi e d...
09.02.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto