Mondo, 29 gennaio 2022

Polemica per degli SMS scambiati tra Ursula von der Leyen e il CEO di Pfizer

La Commissione europea è stata criticata venerdì dal mediatore dell'UE dopo essersi rifiutata di rilasciare alla stampa dei messaggi di testo scambiati dal suo presidente Ursula von der Leyen con l'amministratore delegato della Pfizer sull'acquisto dei vaccini Covid-19.

Come riferisce la stampa, le critiche alla Commissione europea nella gestione degli sms scambiati tra la presidente Ursula von der Leyen e il numero uno di Pfizer Albert Bourla arrivano direttamente dalla stessa Ue. Per la precisione, dalla mediatrice europea Emily O’Reilly che ha bocciato il modo in cui l’esecutivo europeo ha risposto alla richiesta di accesso agli atti avanzata da un giornalista. O’Reilly ha chiesto all'ufficio di Ursula von der Leyen di effettuare "una ricerca più approfondita" per trovare questi messaggi e valutare se il loro contenuto può essere rivelato secondo le regole di trasparenza applicabili ai documenti dell'UE.

La Commissione prenderà in considerazione l'aggiornamento della sua politica sull'accesso ai documenti, ha detto un portavoce a un briefing della stampa venerdì, senza fornire ulteriori dettagli.
Dopo che un articolo del New York Times nell'aprile 2021 ha riferito che von der Leyen aveva scambiato messaggi di testo con il capo della Pfizer Albert Bourla come parte delle trattative su un contratto per acquistare i vaccini Covid-19, un giornalista ha chiesto alla Commissione l'accesso ai messaggi di testo e altri documenti relativi a quelle discussioni. {banner}

L'esecutivo dell'UE, che era incaricato di negoziare gli acquisti di vaccini per conto degli Stati membri, ha accettato di fornirgli tre documenti (una e-mail, una lettera e un comunicato stampa) ma nessun messaggio di testo. "Non è stato fatto alcun tentativo di identificare l'esistenza dei messaggi di testo in questione. Questo non soddisfa le aspettative di trasparenza", ha criticato il difensore civico, Emily O'Reilly, contattata dal giornalista. O'Reilly ha dato alla Commissione fino al 26 aprile per rispondere alle sue raccomandazioni, che non sono vincolanti.

L'esecutivo dell'UE aveva indicato che nessuna registrazione di questi messaggi era stata tenuta, sostenendo che gli SMS non erano soggetti alle regole di trasparenza delle istituzioni UE del 2001. Nell'indagine del Mediatore, la Commissione ha sostenuto che questi messaggi sono "per loro natura documenti di breve durata, che non contengono in linea di principio informazioni importanti sulle politiche, attività e decisioni della Commissione".

Per il Mediatore, al contrario, "è chiaro" che i messaggi di testo "rientrano nell'ambito della legislazione europea sull'accesso del pubblico ai documenti" e "il pubblico può avervi accesso se riguardano il lavoro dell'istituzione". Ha invitato l'amministrazione dell'UE a cambiare le sue pratiche di conservazione dei documenti per tenere conto dei "moderni mezzi di comunicazione".

Guarda anche 

A 19 anni perde la patente e si fa sequestrare la lamborghini

Non è durata molto la licenza di condurre di un giovane residente nel canton San Gallo. Durante la sera di domenica scorsa, la polizia è stata allertata ...
17.05.2022
Svizzera

Siviglia invasa dai tifosi dei Rangers per la finale: c’è chi usa Tinder per trovare casa

GLASGOW (Scozia) – Unire l’utile al… dilettevole. È quello che avrà pensato un tifoso dei Rangers che, per trovare un posto dove dormire ...
17.05.2022
Sport

"Sanzioni alla Russia, quali conseguenze per la Svizzera?"

Il Consiglio federale ha tenuto conto delle conseguenze per la Svizzera della ripresa delle sanzioni UE contro la Russia? È la domanda che il Consigliere nazionale...
11.05.2022
Svizzera

L'ambasciatore UE mette in guardia la Svizzera, "l'Unione europea non è un menù a la carte"

L'ambasciatore dell'UE a Berna Petros Mavromichalis (nella foto) avverte la Svizzera che l'Unione europea non è un "menù à...
10.05.2022
Svizzera