Svizzera, 04 gennaio 2022

Medico a processo per non aver riconosciuto una trombosi

Un medico di San Gallo compare oggi in tribunale con l'accusa di non aver riconosciuto i segni di una trombosi e di aver cambiato il protocollo - dopo la morte del suo paziente - in modo che fosse più difficile incolparlo.

I fatti risalgono all'estate del 2017. In giugno, una donna si è recata dal suo medico di famiglia dopo una caduta sulle scale. Sono seguite altre sei consultazioni. Durante uno di questi appuntamenti, la donna lamentava un dolore sopra la caviglia sinistra, dove era visibile un gonfiore. È stata fatta una radiografia per escludere una possibile frattura.

Quando ha visto il medico per l'ultima volta all'inizio di luglio, la paziente si lamentava ancora del dolore alla gamba sinistra. Secondo l'accusa, questo è il momento in cui il medico avrebbe dovuto intervenire, poiché
nel frattempo si era sviluppata una trombosi.

L'accusa ritiene anche che il medico abbia ignorato i fattori di rischio: oltre ad essere notevolmente sovrappeso, la paziente prendeva la pillola contraccettiva. Un esame del sangue o un'ecografia sarebbero stati sufficienti per rilevare la trombosi. La paziente è morta il giorno dopo la sua ultima consultazione per un'embolia polmonare "fulminante".

Dopo aver appreso della morte, il medico di famiglia ha cambiato i dati della malattia del paziente nel software dello studio in modo che non potesse essere incolpato dell'errore. Il Ministero pubblico di San Gallo richiede all'imputato il pagamento di 180 aliquote giornaliere a 590 franchi (pari a 106'200 franchi) sospeso per due anni per omicidio colposo e falsificazione di documenti.

Guarda anche 

Viene salvato dopo due giorni bloccato in una grotta a 50 metri di profondità

Uno speleologo è rimasto ferito da una roccia a circa 50 metri di profondità nelle Alpi del canton di San Gallo, a un'altitudine di circa 2000 metri....
21.07.2022
Svizzera

Arrestati quattro minorenni che avevano distrutto un parchimetro

Quattro giovani tra i 15 e i 17 anni – tutti di nazionalità siriana – hanno distrutto un parchimetro ieri sera a Wil per impossessarsi delle monete ...
15.07.2022
Svizzera

Condannato al carcere e espulsione per una lista impressionante di reati

Il tribunale penale di Lucerna ha condannato un cittadino spagnolo di 22 anni per un totale di undici capi d'accusa. Fra questi figurano furto, rapina, ingiuria, c...
09.07.2022
Svizzera

Condannato per torture e rapimento dopo essere stato riconosciuto in un centro asilanti

Il tribunale distrettuale di Bülach ha condannato un eritreo di 27 anni a 7 anni e mezzo di carcere per aver partecipato a un brutale rapimento avvenuto nel 2015 ...
08.07.2022
Svizzera