Svizzera, 04 gennaio 2022

Medico a processo per non aver riconosciuto una trombosi

Un medico di San Gallo compare oggi in tribunale con l'accusa di non aver riconosciuto i segni di una trombosi e di aver cambiato il protocollo - dopo la morte del suo paziente - in modo che fosse più difficile incolparlo.

I fatti risalgono all'estate del 2017. In giugno, una donna si è recata dal suo medico di famiglia dopo una caduta sulle scale. Sono seguite altre sei consultazioni. Durante uno di questi appuntamenti, la donna lamentava un dolore sopra la caviglia sinistra, dove era visibile un gonfiore. È stata fatta una radiografia per escludere una possibile frattura.

Quando ha visto il medico per l'ultima volta all'inizio di luglio, la paziente si lamentava ancora del dolore alla gamba sinistra. Secondo l'accusa, questo è il momento in cui il medico avrebbe dovuto intervenire, poiché
nel frattempo si era sviluppata una trombosi.

L'accusa ritiene anche che il medico abbia ignorato i fattori di rischio: oltre ad essere notevolmente sovrappeso, la paziente prendeva la pillola contraccettiva. Un esame del sangue o un'ecografia sarebbero stati sufficienti per rilevare la trombosi. La paziente è morta il giorno dopo la sua ultima consultazione per un'embolia polmonare "fulminante".

Dopo aver appreso della morte, il medico di famiglia ha cambiato i dati della malattia del paziente nel software dello studio in modo che non potesse essere incolpato dell'errore. Il Ministero pubblico di San Gallo richiede all'imputato il pagamento di 180 aliquote giornaliere a 590 franchi (pari a 106'200 franchi) sospeso per due anni per omicidio colposo e falsificazione di documenti.

Guarda anche 

Riesce a evadere dal carcere passando per la feritoia dei pasti

Un detenuto del carcere di Muttenz (BL) è riuscito a evadere passando dalla feritoia attraverso cui vengono serviti i pasti. Una volta fuori dalla cella, l'...
22.01.2022
Svizzera

Scopre la moglie a letto con un amico e li aggredisce entrambi

Il tribunale cantonale del Vallese ha dovuto affrontare mercoledì un caso di violenza domestica. L'episodio risale all'estate del 2019 quando un quarantenn...
20.01.2022
Svizzera

Con esplosivi illegali e armi finte sul set del film, regista finisce a processo

Le riprese di un film "made in USA" girato nel 2018 nel canton Giura si sono concluse con il regista in tribunale per aver utilizzato delle armi finte e degli e...
19.01.2022
Svizzera

Dieci anni dopo i fatti un ladro ultraviolento viene condannato

Dieci anni dopo i fatti, il brutale pestaggio di una donna durante un banale furto a Ginevra ha portato alla condanna di un colpevole. Uno zingaro rumeno di 46 anni, anal...
19.01.2022
Svizzera