Svizzera, 03 dicembre 2021

Vittima di abusi sessuali da piccolo, finisce a sua volta a processo per stupro

Vittima di abusi sessuali sin da piccolo, finisce a sua volta a processo per stupro. Un 19enne residente nel canton Vaud comparirà il 7 dicembre davanti al Tribunale distrettuale di Broye e Nord Vaud per stupro e coercizione sessuale, alternativamente per atti sessuali commessi su una persona incapace di discernimento o resistenza. Si tratta dello stesso tribunale che nel 2018 aveva giudicato, e condannato, i suoi genitori per aver abusato di lui e dei suoi due fratelli e delle cinque sorelle quando erano piccoli, dal 2004 al 2015.

Come riporta "Le matin", separato dagli abusivi genitori e posto in una struttura protetta, il giovane è accusato di aver aggredito sessualmente una 16enne ospite dello stesso istituto. Altra coincidenza: la struttura è stessa casa che ha seguito la sua stessa famiglia dal 2004 al 2012 come assistente socio-educativo.

Una sera di agosto 2020, verso le 19, sarebbe entrato nella stanza della ragazza, l'avrebbe spogliata e accarezzata, e poi avrebbe cercato di violentarla. Quando non ci è riuscito, ha lasciato la stanza per poi fare ritorno verso mezzanotte e ripetre gli stessi gesti. Questa volta l'ha violentata nonostante la richiesta della presunta vittima di fermarsi. La coercizione sessuale non si limitava a questo. Si dice che l'accusato l'abbia sodomizzata
e costretta a fare una fellatio. In uno stato di shock, la ragazza ha detto di non essere stata in grado di reagire.

La giovane ha presentato una denuncia penale pochi giorni dopo attraverso il suo curatore e il suo avvocato. Il 23 agosto 2020, il giorno dopo la denuncia, il 19enne, diventato maggiorenne da due mesi, è stato posto in detenzione preventiva fino al 18 novembre 2020. Dopo la sua liberazione condizionale, è stato sottoposto a misure alternative per motivi di sicurezza: è stato posto in un'altra struttura, è obbligato a sottoporsi a un trattamento psichiatrico, così come a un trattamento specifico sulla sessualità; gli è vietato contattare il denunciante; infine, è stata ordinata un'ingiunzione per la casa di accompagnarlo alle sue visite mediche, così come i terapeuti, che devono informare il pubblico ministero di qualsiasi assenza da un appuntamento.

L'imputato è stato sottoposto a un esame psichiatrico, che è stato successivamente completato. Se lo dichiarerà colpevole di abuso sessuale, il tribunale correzionale di Yverdon dovrà tenere conto della sua spaventosa storia di vita e, di conseguenza, del suo grado di responsabilità penale per determinare la giusta pena, valutando le conseguenze per la giovane ragazza.

Guarda anche 

Ecoattivisti bloccano il traffico durante una manifestazione, vengono assolti

Negli ultimi mesi, decine di militanti appartenenti al gruppo Extinction Rebellion, noto in diversi paesi europei per le sue manifestazioni dove spesso le strade vengo...
23.01.2022
Svizzera

Riesce a evadere dal carcere passando per la feritoia dei pasti

Un detenuto del carcere di Muttenz (BL) è riuscito a evadere passando dalla feritoia attraverso cui vengono serviti i pasti. Una volta fuori dalla cella, l'...
22.01.2022
Svizzera

Scopre la moglie a letto con un amico e li aggredisce entrambi

Il tribunale cantonale del Vallese ha dovuto affrontare mercoledì un caso di violenza domestica. L'episodio risale all'estate del 2019 quando un quarantenn...
20.01.2022
Svizzera

Si autodenuncia tre giorni dopo aver investito e ucciso un escursionista

Venerdì 14 gennaio, verso le 10.20, un uomo svizzero di 89 anni domiciliato nella regione era stato trovato privo di sensi sulla strada cantonale, nei pressi di...
20.01.2022
Svizzera