Sport, 23 novembre 2021

Lugano maturo e solido: è la rivelazione della stagione?

La formazione di Croci-Torti sta davvero stupendo chiunque e anche guardando alla classifica, risulta lecito sognare in grande

LUGANO – 23 punti in 13 partite. 7 le vittorie ottenute (le ultime tre di fila), 2 i pareggi e 4 sconfitte incassate fin qui. Definire semplicemente “interessante” il campionato del Lugano fin qui sarebbe davvero troppo poco. Neanche la pausa per la Nazionale è riuscita a togliere lo smalto e la fame alla compagine allenata da Mattia Croci-Torti che, fin qui, in casa non ha mai perso da quando si è seduto in panchina.
 
 
Davvero una marcia incredibile quella dei bianconeri, segnata nell’ultimo mese da tre vittorie filate in campionato, compresa quella di domenica tra le mura amiche contro il Lucerna, mettendo in evidenza ciò che avevamo già visto in precedenza: questa squadra non è frutto di casualità o di giocate effimere, ma è matura, solida e convincente. Il terzo posto in classifica parla da solo!
 
 
Una squadra matura, dicevamo, capace di gestire anche i ritmi e i tempi delle partite, specie contro quelle squadre ampiamente inferiori, come accaduto contro il Lucerna dell’ex Celestini. In effetti dopo il 3-1 del primo tempo – e se anche giocatori come Ziegler continuano ad andare a segno, allora vuol dire che tutto il collettivo può puntare in alto – ottenuto con serenità, schiacciando sull’acceleratore a proprio piacimento, questa maturità, questa coscienza dei propri mezzi sono venute fuori nella ripresa, quando i bianconeri hanno praticamente controllato il gioco, concedendo poco o nulla.
 
 
Questo a fotografare la situazione attuale di questo Lugano, capace anche di affrontare mancanze importanti – come le assenze di Bottani, di Lavanchy e Custodio – senza colpo ferire, capace di scendere in campo sempre a testa alta, a petto in fuori e conscio delle proprie potenzialità. E questo, lo ripetiamo, se lo può permettere soltanto una squadra forte, vera e sicura di sé… e quindi dalle parti di Cornaredo è giusto e lecito sognare e guardare in avanti e in alto!

Guarda anche 

L’ex presidente Renzetti: “Paolo, un tecnico emotivo”

LUGANO - L’ex presidente Angelo Renzetti si gode qualche giorno di riposo nella sua Pescara, anche se conta di tornare in Ticino per la sfida odierna fra il Lu...
05.12.2021
Sport

Il leggendario Nummelin riscalda ancora i cuori

LUGANO - Quando Nummy entra in sala stampa viene accolto da un applauso. Qualche vecchio cronista coglie l'occasione per un selfie; altri lo prendono s...
06.12.2021
Sport

Italia-Inghilterra e la tragedia sfiorata: “A Wembley poteva morire qualcuno”

LONDRA (Gbr) – Se sul campo è finita con la vittoria ai rigori dell’Italia, che poi ha alzato al cielo di Wembley il trofeo di campione d’Europa,...
05.12.2021
Sport

Fora-Bertaggia: quando le bandiere non esistono più

LUGANO – Quella che si è chiusa, è e resterà una settimana che i tifosi di Ambrì e Lugano non dimenticheranno tanto facilmente. Non solo...
05.12.2021
Sport