Svizzera, 10 novembre 2021

Condannato per la terza volta per violenza domestica, riesce nuovamente a evitare il carcere

Nonostante sia già alla terza condanna per aver picchiato la moglie, se la cava con una pena pecunaria. Un 34enne residente nel canton Neuchâtel è riuscito a evitare il carcere grazie a una sentenza in appello che ha ridotto la pena dalla prigione al pagamento di aliquote giornaliere (che, stando alla moglie, non potrà pagare).

Come riferisce il portale "arcinfo.ch", il pubblico ministero del canton Neuchâtel ha voluto condannare questo autore di ripetute violenze domestiche a una pena detentiva da scontare. L'imputato 34enne era stato infatti condannato a 60 giorni di prigione tramite un'ordinanza penale.

Il diretto interessato si era però opposto e ha ottenuto la clemenza del presidente del Tribunale regionale del Litorale e del Val-de-Travers. La presidente Stéphanie Baume ha ritenuto che la pena fosse troppo severa e ha optato per il pagamento di 60 aliquote giornaliere a 30 franchi per lesioni corporali semplici contro l'ex marito della vittima.

I fatti risalgono a giugno 2020, quando l'uomo era venuto a badare ai due figli della coppia a casa della sua ex moglie e aveva ripetutamente colpito la malcapitata. Secondo quanto si legge nell'ordinanza del tribunale penale, l'aveva trascinata a terra e presa a pugni e calci. I vicini sono stati allertati dalle urla della vittima e hanno chiamato la polizia.

Per il pubblico ministero, una pena detentiva era necessaria perché le sanzioni precedenti non avevano avuto l'effetto desiderato sull'imputato. "Gestivo le fatture a casa, quindi sapevo che non poteva pagare quelle multe. Più mi lamentavo, più lui si innervosiva", ha detto la vittima delle violenze.

Tuttavia, l'ex moglie del condannato si è dichiarata a suo favore in tribunale a Boudry (NE). "Sono rimasto scioccato dal fatto che sia stata pronunciata una condanna al carcere. Non posso immaginare i miei figli senza di lui. Lo adorano". L'ex moglie del marito recidivo sostiene che la terapia mirata alla violenza ha funzionato e che da allora lui non l'ha più aggredita.

Di fronte alla clemenza del presidente del tribunale, che ha ripetuto che questa era la sua "ultima possibilità", l'uomo ha fatto ammenda: "Prometto che non lo farò più".

Guarda anche 

Ruba il gatto del vicino perché credeva fosse il suo, viene denunciata e condannata

La giustizia vodese si è dovuta chinare su una singolare vicenda concernente due proprietari di gatti di Montreux. Una donna ha rubato il gatto del suo vicino e si...
14.05.2022
Svizzera

Gli sposi si separano pochi anni dopo la naturalizzazione del marito, con il divorzio perde anche il passaporto

Un cittadino algerino con il divorzio perderà, oltre alla moglie, anche la cittadinanza svizzera acquisita appena due anni prima. Sposatosi nel 2010 con una don...
13.05.2022
Svizzera

Ricorre fino al Tribunale federale per farsi annullare la tassa militare e alla fine la spunta

Un uomo residente nel canton Soletta è andato da tribunale in tribunale per farsi annullare una richiesta di tassazione di 6'612 franchi che sosteneva non dove...
13.05.2022
Svizzera

"Non ucciderei mai una donna che mi paga 300'000 franchi per delle relazioni sessuali"

La Corte Suprema del canton Zurigo ha condannato un cittadino italiano di 78 anni a 13 anni di carcere per un omicidio avvenuto nel 1997. Il tribunale ha quindi confermat...
12.05.2022
Svizzera