Svizzera, 10 novembre 2021

Condannato per la terza volta per violenza domestica, riesce nuovamente a evitare il carcere

Nonostante sia già alla terza condanna per aver picchiato la moglie, se la cava con una pena pecunaria. Un 34enne residente nel canton Neuchâtel è riuscito a evitare il carcere grazie a una sentenza in appello che ha ridotto la pena dalla prigione al pagamento di aliquote giornaliere (che, stando alla moglie, non potrà pagare).

Come riferisce il portale "arcinfo.ch", il pubblico ministero del canton Neuchâtel ha voluto condannare questo autore di ripetute violenze domestiche a una pena detentiva da scontare. L'imputato 34enne era stato infatti condannato a 60 giorni di prigione tramite un'ordinanza penale.

Il diretto interessato si era però opposto e ha ottenuto la clemenza del presidente del Tribunale regionale del Litorale e del Val-de-Travers. La presidente Stéphanie Baume ha ritenuto che la pena fosse troppo severa e ha optato per il pagamento di 60 aliquote giornaliere a 30 franchi per lesioni corporali semplici contro l'ex marito della vittima.

I fatti risalgono a giugno 2020, quando l'uomo era venuto a badare ai due figli della coppia a casa della sua ex moglie e aveva ripetutamente colpito la malcapitata.
Secondo quanto si legge nell'ordinanza del tribunale penale, l'aveva trascinata a terra e presa a pugni e calci. I vicini sono stati allertati dalle urla della vittima e hanno chiamato la polizia.

Per il pubblico ministero, una pena detentiva era necessaria perché le sanzioni precedenti non avevano avuto l'effetto desiderato sull'imputato. "Gestivo le fatture a casa, quindi sapevo che non poteva pagare quelle multe. Più mi lamentavo, più lui si innervosiva", ha detto la vittima delle violenze.

Tuttavia, l'ex moglie del condannato si è dichiarata a suo favore in tribunale a Boudry (NE). "Sono rimasto scioccato dal fatto che sia stata pronunciata una condanna al carcere. Non posso immaginare i miei figli senza di lui. Lo adorano". L'ex moglie del marito recidivo sostiene che la terapia mirata alla violenza ha funzionato e che da allora lui non l'ha più aggredita.

Di fronte alla clemenza del presidente del tribunale, che ha ripetuto che questa era la sua "ultima possibilità", l'uomo ha fatto ammenda: "Prometto che non lo farò più".

Guarda anche 

Una sentenza del Tribunale federale potrebbe far lievitare i costi della sanità

Una recente decisione del Tribunale federale (TF) potrebbe far lievitare i costi della sanità. I giudici di Mon Repos si sono infatti pronunciati a favore di una m...
18.06.2024
Svizzera

Un predicatore islamico condannato per frode e razzismo non dovrà lasciare la Svizzera

Il predicatore islamico Abu Ramadan non dovrà lasciare la Svizzera, nonostante una condanna di espulsione in primo grado. Lo ha deciso venerdì l'Alta Co...
15.06.2024
Svizzera

Licenziare un lavoratore in malattia non è per forza illegale, secondo il Tribunale federale

Il Tribunale Federale (TF) ha recentemente preso una decisione che, in alcuni casi, pregiudica la tutela dei dipendenti contro il licenziamento durante il congedo per mal...
09.06.2024
Svizzera

Causa danni per 26'000 franchi dopo aver cercato di rubarne 100

Nel marzo 2023 un 25enne residente a Zugo ha scassinato la cassa di una stazione di benzina da dove ha prelevato un magro bottino di 100 franchi. Così facendo ha p...
04.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto