Svizzera, 07 novembre 2021

Condannato a quindici anni di carcere e espulsione per aver accoltellato l'ex moglie

Il tribunale penale di Basilea Campagna ha condannato giovedì un cittadino italiano di 51 anni a 15 anni di prigione e 12 anni di espulsione dal paese per aver accoltellato la mogle. L'uomo dovrà inoltre risarcire all'ex coniuge 100'000 franchi di danni. Come riferisce la "Basler Zeitung", la vittima è rimasta tetraplegica dopo l'aggressione e da allora è costretta su una sedia a rotelle. La sentenza sarà probabilmente la più severa mai pronunciata da un tribunale svizzero per tentato omicidio. Il verdetto non è tuttavia ancora definitivo e le parti possono ancora presentare ricorso.

I fatti risalgono al 2018. L'imputato, un disoccupato di lunga data, consumatore di cannabis con episodi psicotici, aveva aggredito la moglie per vendetta dopo che si erano separati dopo 27 anni di matrimonio. La loro unione era contraddistinta
da episodi di violenza e quando lei trovò il coraggio di denunciare il marito, nell'estate del 2018, lui era stato messo in un reparto psichiatrico come misura precauzionale e gli è stato vietato di avvicinarsi alla moglie.

Il giorno del delitto, poco dopo natale 2018, il suo ex marito le fece visita a mezzogiorno sul suo posto di lavoro a Laufen. Lì l'ha ripetutamente accoltellata con un coltellino comprato alla Migros. Dopo aver commesso il crimine, le disse: "L'hai voluto tu!" In precedenza, aveva annunciato ai membri della sua famiglia che voleva uccidere sua moglie.

"L'insieme del suo comportamento riflette una mancanza di rispetto per la vita della sua ex moglie", ha detto il presidente del tribunale. Quando il verdetto è stato annunciato, il 51enne non ha mostrato alcuna emozione.

Guarda anche 

Condannata perchè non smetteva di inviare foto di lei nuda

Una cittadina greca residente nel canton Friborgo è stata condannata perchè continuava a inviare foto intime a un uomo di cui era ossessionato. La donna,...
03.12.2022
Svizzera

Le indennità per licenziamento abusivo non vanno tassate, ha deciso il Tribunale federale

Nel 2016, una donna vodese era stata licenziata dal suo datore di lavoro e ha poi fatto causa per licenziamento illegittimo, chiedendo un risarcimento di 30'000 franc...
01.12.2022
Svizzera

Richiedente l'asilo condannato a 3 anni di carcere per un'aggressione, ma non sarà espulso

Un richiedente l'asilo siriano di 19 anni è stato condannato a 3 anni di carcere, di cui uno da scontare, per essersi reso colpevole di aggressione, tentate...
27.11.2022
Ticino

Carcere e espulsione per un datore di lavoro che trattava i dipendenti come schiavi

Era accusato di ben 19 reati, tra cui incitamento al soggiorno illegale, atti di violenza, impiego di stranieri senza i necessari permessi e mancato pagamento degli on...
10.11.2022
Svizzera