Svizzera, 27 ottobre 2021

Aveva investito e ucciso una scooterista sotto l'influsso della cannabis, fa ricorso contro la sua condanna al carcere

Sotto l'influsso della cannabis e ben al di sopra del limite di velocità, un automobilista italiano aveva investito una 27enne nei pressi di Domat/Ems (GR) nel 2017. La malcapitata, alla guida di uno scooter, era stata scaraventata per 43 metri sull'altro lato della strada ed era morta all'istante. Nonostante le prove contro di lui e una prima condanna a 6 anni di carcere, il conducente dell'automobile nega ogni responsabilità e per questo aveva presentato ricorso contro la sentenza. Martedì il caso è ascoltato al tribunale del canton Grigioni per la seconda volta.

L'automobilista era uscito alle 5.30 del mattino per riscaldare l'auto della moglie, sotto l'effetto della cannabis. Il suo livello di THC nel sangue era infatti tre volte superiore al limite legale. L'accusato ha spiegato il suo stile di guida alla polizia dicendo che aveva voluto "portare un caffè a letto a sua moglie entro le 6 del mattino". Era quasi arrivato, ma stava prendendo un grande rischio.

Prima dell'incidente, la visibilità sulla strada principale tra Coira e Domat/Ems era di soli 50 metri. Anche se due veicoli lo precedevano, l'automobilista si mise a sorpassarli, accelerando a 115 km/h. Non vide la 27enne che stava guidando nella direzione opposta.

A peggiorare le cose, sul luogo dell'incidente il conducente ha accusato la vittima di essere responsabile dell'incidente. Secondo quanto riporta il Blick, che aveva parlato con un soccorritore che era sulla scena il conducente aveva sostenuto che la giovane stava guidando senza luci. "Non è vero, erano accesi". Questo è stato poi confermato dal rapporto della scientifica: la giovane donna non aveva avuto alcuna colpa nell'incidente. La seconda sentenza dovrebbe essere emmessa nei prossimi giorni.


Guarda anche 

Svizzero atterra su un autostrada in Germania e poi si fa investire da un camion

Un singolare incidente è avvenuto sabato pomeriggio sull'autostrada tedesca A62 vicino a Höheinöd, nella Renania-Palatinato, nella Germania occidenta...
09.12.2021
Mondo

Vittima di abusi sessuali da piccolo, finisce a sua volta a processo per stupro

Vittima di abusi sessuali sin da piccolo, finisce a sua volta a processo per stupro. Un 19enne residente nel canton Vaud comparirà il 7 dicembre davanti al Tribuna...
03.12.2021
Svizzera

Autore di una violenta aggressione sessuale rischia carcere e espulsione, "troverà lavoro ma fuori dalla Svizzera"

Un cittadino portoghese residente nel canton Friburgo rischia 42 mesi di carcere e l'espulsione dalla Svizzera per un violento stupro avvenuto nel 2020. Al Tribunale ...
02.12.2021
Svizzera

Finisce a processo perchè mette in vendita una vecchia bicicletta trovata

Non pensava probabilmente di finire in tribunale un informatico italiano di 35 anni che qualche anno ha cominciato l'hobby di comprare, riparare e rivendere biciclett...
01.12.2021
Svizzera