Mondo, 24 ottobre 2021

"L'UE come l'Unione sovietica, ci tratta come se fossimo dei nemici"

Decine di migliaia di sostenitori del primo ministro ungherese Viktor Orban si sono riuniti a Budapest per commerorare la rivolta ungherese contro l'Unione sovietica del 1956. A sei mesi delle elezioni nazionali, Orban ha denunciato l'atteggiamento dell'Unione Europea verso il suo paese e la Polonia, che ha detto essere degno dell'URSS.

"L'Unione europea ci parla e si comporta con noi e con i polacchi come se fossero nemici", ha detto davanti alla folla. "Bruxelles farebbe bene
a capire che nemmeno i comunisti potrebbero prenderci. Siamo il Davide che Golia farebbe bene a evitare", ha aggiunto, mostrando il suo sostegno a Varsavia nella sua disputa con Bruxelles sull'indipendenza dei tribunali e lo stato del diritto europeo.

Decine di migliaia di persone si sono presentate e hanno marciato per le strade della capitale in precedenza. Alcuni dei manifestanti erano polacchi, sventolavano bandiere polacche e portavano cartelli in cui accusano l'UE di essere una dittatura.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

Breaking Bad: ad Albuquerque le statute a Walter White e Jesse Pinkman

ALBUQUERQUE (USA) – Portata al massimo della popolarità dalla serie tv ‘Breaking Bad’, ora Albuquerque potrà fregiarsi di due statue dedic...
02.08.2022
Magazine

“Noi squadra materasso? Sapremo smentire tutti”

WINTERTHUR - Bruno Berner, l’allenatore del neopromosso Winterthur in Super League, non sta più nella pelle. Vogliamo dimostrare a tutti co...
27.07.2022
Sport

Granata, buona la prima! Battuto il favorito Losanna

BELLINZONA - Esordio migliore, al ritorno in Challenge League, non poteva esserci per il Bellinzona (che qualcuno Oltrealpe vorrebbe ultimo in classifica a fine stagione)...
17.07.2022
Sport