Svizzera, 13 ottobre 2021

Accusata di aver finto una gravidanza per farsi pagare 230'000 franchi per abortire

Una donna camerunense si trova sotto processo con l'accusa di aver estorto centinaia di migliaia di franchi in cambio dell'interruzione di una gravidanza con un uomo con cui ha avuto una relazione extraconiugale. Lunedì, al tribunale distrettuale di La Broye e Nord Vaud ha aperto si è aperta la prima udienza che riguarda questa vicenda di denaro e aborto.

Come riporta "Le Temps", dopo aver mantenuto il rapporto extraconiugale per diversi mesi, l'uomo, sposato e padre di famiglia, aveva messo fine alla loro relazione nel maggio 2020. Ma pochi giorni dopo, la donna 41enne, lo aveva informato che era incinta di suo figlio e che intendeva portare a termine la gravidanza.

Lui, un educatore professionale che si avvicina ai sessant'anni, voleva invece che la sua ex amante interrompesse la gravidanza. L'educatore professionale le ha pagato un totale di quasi 235'000 franchi sull'arco di diverse settimane. Non si sa se la gravidanza sia effettivamente avvenuta, dato che ancora oggi non è ancora stato appurato. Secondo quanto si legge nell'atto di accusa, lei gli chiedeva sempre più soldi, fino a quando lui cominciò ad avere seri dubbi.

"Non spetta alla mia cliente dimostrare che era incinta, ma all'accusa dimostrare che non lo era", ha detto l'avvocato della donna Laurence Brand Corsani, prima di ricordare l'esistenza di un test di gravidanza positivo trovato a casa dell'imputata durante una perquisizione, così come una foto nel suo cellulare, sulla quale la sua cliente mostrava una pancia rotonda di tre mesi.

Per l'avvocato, che ritiene che un aborto avrebbe avuto luogo in Camerun al quarto mese di gravidanza, si tratta di "un contratto tra le due parti: effettuare un aborto in cambio di una somma di denaro", e l'attore "era disposto a pagare il prezzo". "Il contratto è certamente
immorale, ma non è criminale", ha continuato l'avvocato, che ha chiesto alla corte di assolvere la sua cliente da tutte le accuse.

Sia il procuratore Gabriel Moret che l'avvocato dell'accusa hanno sostenuto che la gravidanza e l'aborto non sono mai esistiti. "Se ci fosse stato un contratto, lei sapeva in anticipo che non voleva rispettarlo, quindi siamo in una truffa", ha affermato l'avvocato dell'uomo, che riconosce un modus operandi già utilizzato: "Imbrogliare le sue vittime e ottenere denaro da loro". La donna accusata è stata infatti già condannata diverse volte per atti simili.

Rifiutando di fare trasferimenti bancari o di firmare un foglio che attestava di aver ricevuto del denaro, "l'imputata ha derubato la denunciante senza alcuno scrupolo", per non parlare del fatto che intendeva mettere le mani su altri 120'000 franchi, ha detto da parte sua il procuratore pubblico. Quest'ultimo ha avanzato un'accusa per frode professionale e riciclaggio di denaro, chiedendo una pena detentiva di 30 mesi più una multa. Il procuratore ha anche chiesto che la cittadina camerunense sia espulsa dalla Svizzera per 8 anni.

L'avvocato della vittima era d'accordo con il procuratore sulla maggior parte delle richieste, chiedendo tuttavia che sia aggiunto il reato di ricatto e estorsione per professione, considerando che il fatto che ci fosse una gravidanza e l'aborto o meno non farebbe differenza. Per l'avvocato, l'accusata, che aveva già abortito in passato, "ha usato questa falsa gravidanza per fare pressione" sulla sua cliente; l'inganno sostiene la minaccia.

"Io e lui ci conosciamo dal 2014, avrei aspettato cinque anni per fare una cosa simile? No", ha detto l'imputata, sull'orlo delle lacrime. Il verdetto è atteso nei prossimi giorni.

Guarda anche 

Ecoattivisti bloccano il traffico durante una manifestazione, vengono assolti

Negli ultimi mesi, decine di militanti appartenenti al gruppo Extinction Rebellion, noto in diversi paesi europei per le sue manifestazioni dove spesso le strade vengo...
23.01.2022
Svizzera

Riesce a evadere dal carcere passando per la feritoia dei pasti

Un detenuto del carcere di Muttenz (BL) è riuscito a evadere passando dalla feritoia attraverso cui vengono serviti i pasti. Una volta fuori dalla cella, l'...
22.01.2022
Svizzera

Scopre la moglie a letto con un amico e li aggredisce entrambi

Il tribunale cantonale del Vallese ha dovuto affrontare mercoledì un caso di violenza domestica. L'episodio risale all'estate del 2019 quando un quarantenn...
20.01.2022
Svizzera

Si autodenuncia tre giorni dopo aver investito e ucciso un escursionista

Venerdì 14 gennaio, verso le 10.20, un uomo svizzero di 89 anni domiciliato nella regione era stato trovato privo di sensi sulla strada cantonale, nei pressi di...
20.01.2022
Svizzera