Svizzera, 11 ottobre 2021

"Chi voleva si è fatto vaccinare, gli altri non ne vogliono sapere"

Come risaputo, per la Confederazione il tasso di vaccinazione contro il covid-19 è ancora troppo basso e per questo ha presentato una serie di misure per rilanciare la campagna di vaccinazione, oltre a rendere a partire da oggi 11 ottobre i test covid a pagamento.

Tuttavia, settimana scorsa diversi cantoni hanno fortemente criticato il pacchetto di misure. Da Ginevra a Turgovia, quasi tutti hanno rifiutato del premio di vaccinazione di 50 franchi e l'assunzione di consulenti che fanno chiamate e visite a domicilio.

L'unica misura a fare l'unanimità fra i governi cantonali è quella della "settimana nazionale della vaccinazione". È stata approvata anche la presenza di unità mobili, anche se i cantoni non vogliono assegnare personale aggiuntivo a questo compito.

Secondo Tobias Bär, portavoce della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS) citato domenica dal "SonntagsBlick", Berna starebbe pensando di offrire ai cantoni autobus di vaccinazione "tutto compreso" con team medici dedicati.

Più ci si allontana dal Palazzo Federale, però, più le lingue si agitano. "Fermate l'esercizio! Abbiamo fatto tutto il possibile", afferma Markus Schmidli, medico cantonale di Appenzello Interno. "Quelli che lo volevano si sono vaccinati, gli altri non ne vogliono sapere".

Schmidli ricorda che nel suo cantone, sabato scorso, meno di 20 persone sono venute a farsi vaccinare. Anche se il cantone ha meno di 20'000 abitanti, si tratta di una cifra estremamente bassa.

"Il Consiglio federale può sognare, ma è inutile", continua Schmidli sulle colonne del SonntagsBlick. "I cittadini sono ben informati, semplicemente non lo vogliono più. La gente viene solo sotto costrizione perché ha bisogno del certificato". Schmidli racconta inoltre il fatto che fra il suo personale comincia a sentirsi una certa frustrazione.

I medici cantonali hanno discusso la situazione attuale questa settimana. Secondo quanto riferisce il SonntagsBlick, la maggioranza era perplessa.

Markus Schmidli afferma che capisce "cosa sta facendo Berna", ma che non ci sarebbero "proposte sensate" su come procedere sul campo.

"Il Consiglio federale ha sempre sottolineato la responsabilità personale. Ora dobbiamo attenerci a questo quando la popolazione ha deciso autonomamente di non essere vaccinata", continua.

"Queste persone pensano di essere sane e di non aver bisogno di essere vaccinate. Puoi dire loro tutto quello che vuoi, non ci crederanno", dice il medico cantonale, non con fatalismo, ma con realismo, come sottolinea. L'argomento dell'eccesso di mortalità come prova innegabile degli effetti del Covid, che viene spesso citato, non interesserebbe parte della popolazione.

Guarda anche 

Non vuole portare la mascherina in tribunale allora l'udienza si tiene all'aperto

Come rispettare il diritto di essere ascoltato di un uomo che non vuole indossare la mascherina in nessuna circostanza? Questa è la questione che ha dovuto affront...
19.10.2021
Svizzera

Un ex Lugano positivo al covid

SALERNO (Italia) – Il suo addio al Lugano, in direzione Empoli, non era stato esattamente idilliaco. C’erano stati alcuni battibecchi tra il giocatore, il suo...
17.10.2021
Sport

Panne di un'ora del certificato Covid venerdì sera

Intorno alle 20:00 di venerdì sera il certificato Covid ha avuto una panne generalizzata. Al momento del suo utilizzo, sull’applicazione appariva il messaggi...
16.10.2021
Svizzera

Casa di appuntamenti regala 30€… a chi si vaccina

VIENNA (Austria) – Da una parte la voglia di recuperare i clienti della casa di appuntamenti. Dall’altra la necessità di dare una spinta alla campagna ...
14.10.2021
Magazine